La “Fabbrica mobile più grande del mondo” è di Samsung: il Primo Ministro Narendra Modi e il Presidente della Corea del Sud Moon Jae-in hanno inaugurato a Noida un nuovo stabilimento Samsung Electronics, che produrrà telefoni cellulari; la particolarità – come detto in apertura articolo – risiede nel fatto che, quello realizzato dalla coreana, è il più grande al mondo.

La fabbrica di Samsung risiede nel settore 81 di Noida, ed è in grado di produrre a 120 milioni di telefoni cellulari; per fare un paragone, il secondo stabilimento per dimensioni si trova in India ed è in grado di produrre 67 milioni di device. Di seguito una panoramica di tutto ciò che sappiamo sulla nuova fabbrica.

 

La nuova fabbrica mobile di Samsung: la più grande del mondo?

La nuova struttura copre 35 acri e si trova nel settore 81 di Noida, in Uttar Pradesh. La fabbrica si affianca al già esistente stabilimento di produzione, sì da intensificare la produzione. Nel giugno dello scorso anno, la coreana aveva annunciato un importante investimento per l’impianto di Noida, dove produce anche frigoriferi, pannelli televisivi, smartphone, feature phone, ecc.

In questa particolare questa fabbrica, secondo quanto dichiarato dalla stessa società, andrà a raddoppiare la produzione da 67 milioni a 120 milioni di telefoni all’anno, e ciò la rende la più grande al mondo – sia in termini di dimensioni che di capacità produttiva. Altresì, sembrerebbe che anche la capacità di produzione di frigoriferi sarà aumentata con il nuovo impianto.

In India, il mercato degli smartphone si è attestato attorno ai 127 milioni di prodotti spediti: un dato che risale al 2017, facendo riferimento ai dati di ricerca IDC. Contando anche i feature phone, arriviamo ad una cifra monstre: 288 milioni.

Samsung è uno dei principali produttori di telefoni in India, poichè detiene il 20,5% del mercato, a pari merito con Xiaomi. Lo stabilimento Samsung di Noida ha anche un centro di ricerca e sviluppo, ed uno per il design. In totale, la struttura dà lavoro ad oltre 70.000 persone.