nella seconda metà di giugno si è conclusa una battaglia che ha avuto come protagonisti TIM ed altri operatori della comunicazione. La Lega Serie A ha finalmente chiuso la pratica relativa ai diritti della massima competizione di calcio nazionale. La vittoria come molti sanno è stata di Sky e Perform.

 

TIM perde i suoi servizi per la Serie A

Inizialmente la battaglia era stata vinta da MediaPro. La Lega, però, non ricevendo le giuste garanzie economiche, ha dato vita ad un nuovo concorso in cui hanno preso parte contendenti come Sky, Mediaset e Perform. TIM, molto interessata ad inizio anno, si è sfilata del tutto dal terreno di sfida.

Leggi anche:  TIM attacca Iliad con Kena Mobile: la nuova Kena Star 5 ha 50 giga a 5 euro al mese

Non sono chiari ancora i motivi della rinuncia. I match della Serie A – sia TIMvision sia su altre piattaforme – potevano essere un grande servizio da offrire per attirare una fascia di pubblico numerosa e strategica. Il trionfo di Sky e Perform cambia molte cose.

Se non si scalfisce partnership tra TIM e la Serie A (il provider resta sponsor della manifestazione), tanti dubbi ci sono per l’oramai ex app “Serie A”. La piattaforma è stata rinominata in “TIMFootball”. Gli utenti del provider, a quanto pare, ora non potranno accedere ad highlights, contenuti esclusivi ed interviste ai calciatori.