5 curiosità su Fortnite che dovresti conoscere prima che raggiunga AndroidFortnite per Android sta arrivando. I suoi creatori hanno già confermato alcune settimane fa che gli utenti del sistema operativo di Google potrebbero godersi l’attesa di Battle Royale entro quest’estate. E, oggi, abbiamo persino un elenco ufficiale di telefoni compatibili con Fortnite per Android.

Nel frattempo, per sopportare l’attesa che ancora ci separa dal lancio di Fortnite, oggi passiamo in rassegna alcune delle curiosità e fatti meno noti del gioco più atteso dell’anno.

 

Cose su Fortnite che probabilmente non conoscevi

La versione originale del gioco è stata rilasciata nel 2011

Sebbene questo fenomeno di massa non sia stato disponibile in tutto il mondo fino alla fine del 2017 e all’inizio del 2018, la verità è che la prima volta che Fortnite ha visto la luce è stato nel 2011. Tuttavia, a causa di una serie di problemi e ritardi nel suo sviluppo, i creatori del gioco non poterono renderlo disponibile pubblicamente fino all’anno scorso.

Inoltre, anche se sin dall’inizio è stato annunciato che sarebbe stato un gioco Free to Play, i primi a giocarci dovettero pagare per poter godersi il gioco prima del resto dei fan. In seguito, quando tutto è andato per il meglio, Epic Games è tornato al formato gratuito con acquisti in-app, mentre i primi acquirenti hanno ricevuto vantaggi esclusivi diversi.

 

La modalità Battle Royale è nata come un esperimento

Oggi, la modalità di gioco più popolare di Fortnite è Battle Royale, che riunisce 100 giocatori su una mappa estesa in partite della durata di mezz’ora o più. Ma lo sapevi che all’inizio questa modalità non era nemmeno concepita dai creatori di Fortnite? Fino all’anno scorso, l’unica modalità di gioco disponibile era “Save The World” in cui, per qualche ragione, il 98% degli umani sulla Terra è scomparso e una tempesta viola copre il cielo oltre a generare strani mostri. Il giocatore dovrebbe lasciare una delle basi, con l’obiettivo di trovare risorse, sopravvissuti e altri alleati per far crescere il suo scudo anti-tempesta.

Ma nel 2017 diversi membri di Epic Games hanno deciso di includere la famosa modalità di gioco Battle Royale sotto forma di esperimento. Tuttavia, tale fu il successo, che in Epic Games si decise di offrire questa modalità di gioco come una singola versione chiamata Fortnite Battle Royale, oggi con una base di giocatori di oltre 125 milioni di utenti e che sta per raggiungere la nostra piattaforma cellulare preferita.

 

I suoi creatori hanno sviluppato il motore grafico Unreal Engine

Oltre a creare uno dei videogiochi di maggior successo della storia, Epic Games è una società che ha contribuito molto al settore del gioco attraverso la creazione di Unreal Engine, il motore grafico utilizzato in decine di giochi diversi, tra cui, ovviamente, il proprio Fortnite. Uno dei grandi vantaggi di questo motore grafico è che chiunque può accedervi e, quindi,, è possibile utilizzare Unreal Engine 4 in progetti di sviluppo personali e professionali. Tuttavia, da Epic Games è stata posta una condizione: se il progetto supera i 3.000 dollari di entrate, Epic Games otterrà il 5% dei profitti ottenuti ogni trimestre.

 

È stato il colpevole della “morte” di un altro gioco

C’è stato un tempo in cui Epic Games era immersa nello sviluppo di due giochi diversi in parallelo. Accanto a Fortnite, la società ha lavorato in Paragon, un videogioco multipiattaforma di tipo MOBA Free to Play inviato alla fine del 2015.

Ma il destino di Paragon fu interrotto dopo l’arrivo di Fortnite e il suo successivo successo. Dal momento che molti giocatori di Paragon sono emigrati su Fortnite, Epic Games ha deciso di ridurre gli sforzi dedicati al primo dei giochi. Alla fine, nel gennaio dello stesso anno, lo sviluppatore annunciò che Paragon sarebbe stato sospeso e che rimborsi sarebbero stati offerti a tutti coloro che una volta avevano acquistato il gioco.

 

Puoi giocare con persone di altre piattaforme

Quando alla fine arriva Fortnite su Android, i giochi non includeranno solo giocatori della stessa piattaforma. Come abbiamo visto, Fortnite per Android offrirà cross-game, il che significa che tutti coloro che gestiscono il gioco sulla piattaforma mobile di Google, saranno all’interno di games con giocatori di iOS, Xbox, PC e PlayStation 4.

Sebbene per molti questo sia uno svantaggio a causa dell’ovvia differenza in termini di usabilità quando si gioca con il touch screen di un telefono cellulare, è molto probabile che ci siano strumenti di puntamento per migliorare l’accuratezza di tutti coloro che amano il versione mobile di Fortnite.