Uno studio afferma che il Wi-Fi è "una grave minaccia per la salute umana"Come noto, il dibattito sul fatto che WiFi, smartphone e segnali di telefonia mobile siano dannosi o meno per la salute è all’ordine del giorno. Ci sono diversi studi che hanno dimostrato come queste connessioni siano innocue per l’essere umano e che non dovremmo preoccuparci affatto.

Anche se una nuova indagine è tornata per gettare benzina sul fuoco. Questo nuovo studio, infatti, afferma che gli effetti che la connessione WLAN ha su di noi sono sostanziali e che alcuni degli studi che affermano come questi non esistano mancano di prove.

 

La nuova ricerca

La ricerca è stata pubblicata da Pall ML, della State University of Washington. Come riportato, “i vari studi sul Wi-Fi mostrano che questa connessione provoca stress ossidativo, spermatozoi/danni ai testicoli, effetti neuropsichiatrici, tra cui cambiamenti nell’elettroencefalogramma (EEG), l’apoptosi, danni al DNA cellulare, i cambiamenti endocrini e il sovraccarico di calcio“. Questi effetti sono stati rilevati in altre esposizioni a microonde e senza alcun effetto termico. Detto in altro modo, ciò che Pall ML vuole dirci è che i sette effetti citati sono generati sia da Wi-Fi che da altri campi elettromagnetici a bassa frequenza.

Secondo i ricercatori, i diversi risultati ottenuti e raccolti nella letteratura scientifica servono a valutare la revisione dello studio Foster e Moulder WiFi. Questo studio ha analizzato sette delle principali indagini relative agli effetti del WiFi sull’essere umano e ha concluso che, in effetti, non è stato mostrato alcun effetto. Tuttavia, “lo studio Foster e Moulder potrebbe, al massimo, concludere che non ci sono prove statisticamente significative di un effetto [negativo]“.

Leggi anche:  5G Gratis per tutti: nuovo sistema Wi-Fi gratuito in tutta Italia

Il problema, dice Pall ML, è che “i piccoli numeri studiati in ciascuno di questi sette studi collegati a Foster e Moulder mostrano che ognuno di loro non ha il potere di raggiungere alcuna conclusione sostanziale“. Cosa vuol dirci con questo? Che il campione degli studi analizzati nel meta-studio di Foster e Moulder è troppo piccolo per raggiungere conclusioni estrapolate. In altre parole, se ho 10 amici e cinque mangiano la pizza all’ananas, non posso dire che metà della popolazione mondiale ami la pizza con l’ananas.

Nelle parole dell’autore, “ciascuno dei 7 studi utilizzava solo un piccolo numero di animali in ciascun gruppo di studio, quindi la mancanza di significatività statistica, a causa della bassa potenza di questi studi, limita drasticamente l’estrazione delle inferenze“. Inoltre, “3 dei 7 studi analizzati hanno evidenziato effetti statisticamente significativi, ma Foster e Moulder hanno ignorato ciascuno di essi“. In breve, non possiamo fidarci di queste indagini e alcuni risultati sono stati nascosti.

Con questo possiamo pensare che, in effetti, il Wi-Fi genera problemi e può essere dannoso per la salute. Ora dobbiamo solo aspettare di vedere come reagisce la comunità scientifica e quali nuove ricerche emergono a riguardo. Per ora, fortunatamente o sfortunatamente, sappiamo solo che non sappiamo nulla.