Gli ultimi smartphone di punta di Samsung, il Galaxy S9 e Galaxy S9 + sono stati annunciati al MWC 2018 di febbraio. Stando al target solito aziendale della casa Sud-Coreana, il prossimo obiettivo dell’azienda dovrebbe essere l’annuncio del suo phablet di punta, il Samsung Galaxy Note 9.

All’inizio di questa settimana, ci siamo imbattuti in alcune indiscrezioni che mostrerebbero alcuni dettagli dello smartphone. Potrebbero essere ben tre le varianti del phablet ad arrivare sul mercato. In queste ore, Madmix, creator per CGTrader, produttore di modelli 3D, ha presentato cinque diverse varianti di colore dello smartphone.

Il rapporto mostra tutti i modelli 3D disponibili per la vendita su CGTrader per coloro che desiderano acquistare il modellino del prossimo dispositivo targato Samsung. Questi rendering 3D dello smartphone mostrano la presenza di una doppia fotocamera con i due sensori della fotocamera posizionati orizzontalmente insieme al flash LED.

Sembra che ci sia un sensore di impronte digitali posizionato sotto la fotocamera posteriore che smentirebbe le precedenti affermazioni di un sensore di impronte digitali in-display come nel Vivo X21, Vivo NEX S e Xiaomi Mi 8 Explorer Edition.

Leggi anche:  La fotocamera di Huawei P20 Pro è ancora la migliore

 

Il Samsung Galaxy Note 9 raffigurato in nuove immagini 3D, sarà davvero così?

 

Dai report esistenti, si ritiene che il Galaxy Note 9 sia alimentato da un processore Snapdragon 845 di Qualcomm e per l’Europa dall’Exinos 9810. La batteria integrata invece dovrebbe essere un’unità da 3850 mAh. Come il Galaxy Note 8, anche l’imminente phablet sarà caratterizzato da una doppia fotocamera sul retro con alcuni miglioramenti.

Quando arriveranno Samsung Galaxy Note 9 e Galaxy S10

Il Galaxy Note 9 manterrà le stesse dimensioni dello schermo del suo predecessore. Il device dovrebbe dunque avere un display da 6,3 pollici e dovrebbe essere lanciato in tre configurazioni 64 GB, 256 GB e 512 GB. I rapporti recenti hanno evidenziato la presenza di un pulsante fisico per la fotocamera sullo smartphone e non dovrebbe mancare neanche il supporto alla ricarica wireless ancora più rapida.