Samsung Galaxy S7
Buone notizie per coloro che possiedono un Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge brandizzato H3G. Anche per loro Samsung ha dato il via al rilascio dell’aggiornamento software ad Android 8.0 Oreo. Una versione attesissima che arriva dopo essere stata notificata dai modelli Vodafone, No-Brand, Wind e TIM.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Tab S4 sarà disponibile in nero e grigio: la presentazione ad agosto

L’aggiornamento è praticamente lo stesso e con una dimensione di circa 1.3 GB introduce una ventata di novità. Android 8.0 Oreo porta con sé tantissimi miglioramenti che riguardano la gestione delle notifiche, i processi in background, la selezione intelligente del testo ed il consumo energetico.

L’autonomia della batteria è stata migliorata così come sono state migliorate le prestazioni di Galaxy S7 e di S7 Edge che diventano più veloci praticamente in tutte le operazioni. Sia in accensione che nella gestione delle applicazioni, i due smartphone guadagnano uno sprint che si nota praticamente da subito.

Il tutto circondato da piccole novità grafiche introdotte con l’aggiornamento dell’interfaccia grafica Samsung Experience. Samsung dovrebbe aver introdotto anche le patch di sicurezza Android più recenti.

 

Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge, come installare l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo

L’aggiornamento è in distribuzione per tutti i Galaxy S7 brand H3G. Tuttavia, per poterlo scaricare e installare è necessario avere almeno 1 GB di spazio libero sulla propria memoria interna. Se lo avete eseguite un backup e date il via all procedura che in ogni caso non eliminerà nulla.

Potrebbero volerci fino a 15 minuti per completare il download, l’installazione dell’aggiornamento e la successiva ottimizzazione degli applicativi. Procedure che dovete eseguire con la connessione WiFi attiva e necessariamente la batteria carica. Potete ovviare a questo requisito collegando lo smartphone alla rete elettrica.

In caso di strani malfunzionamenti o anomalie in seguito all’installazione potrebbe essere necessario eseguire un wype cache riavviando lo smartphone in modalità recovery.