Quali sono gli smartphone di cui puoi "fidarti" secondo GoogleAnche se cerchiamo di incolpare Google, una parte della colpa per la frammentazione che persegue la piattaforma Android sin dal suo esordio siamo proprio noi utenti. Ancora di più oggi, visto che è sempre più facile trovare smartphone che offrono un’esperienza utente piacevole grazie al loro software e Google che sta lavorando duramente per rendere le cose più facili ai produttori.

E pur rimanendo sotto i riflettori delle critiche contro tale frammentazione, Google sta cercando di fornire soluzioni come Project Treble, Android One o la selezione di smartphone consigliati per le aziende. In qualche modo – molto sottile, sì – Google ci sta dicendo quali sono le marche di cui ti puoi fidare quando acquisterai il ​​tuo prossimo telefono.

 

Android One, il primo grande passo contro la frammentazione

La piattaforma Android One di oggi è molto simile a quella che Google ha avviato nel 2014. Tutto è iniziato come un modo per portare gli smartphone nei paesi in via di sviluppo, offrendo un’esperienza pulita e leggera. Attualmente, tuttavia, Android One è la migliore alternativa a Nexus, visto che il programma si compone di device sia di alta e media gamma e offre la migliore esperienza utente possibile grazie ad un software che rimane all’interno delle linee guida di Google.

Pertanto, qualsiasi utente che decida di acquistare un telefono Android One saprà che l’azienda incaricata della produzione si impegna a offrire le ultime novità, aggiornamenti frequenti e continui per un minimo di due anni e miglioramenti della sicurezza con frequenza mensile.

 

Android P e Project Treble, il punto di svolta

Ma forse il più evidente è il caso di Android P. Dopo l’arrivo della seconda versione precedente per gli sviluppatori, Dave Burke, vice presidente dello sviluppo Android, ha annunciato con orgoglio, nello scenario del Google I/O, che fino a undici diversi dispositivi saranno compatibili con la beta Android P, tutti di marche diverse. Così scrive sul blog ufficiale dell’azienda:

Leggi anche:  Android: esistono 4 applicazioni molto famose che portano grossi problemi allo smartphone

Android P Beta è disponibile oggi su Google Pixel. E grazie al lavoro su Project Treble, uno sforzo che abbiamo introdotto lo scorso anno per semplificare gli aggiornamenti del sistema per i produttori, molti dei nostri partner hanno introdotto Android P Beta oggi disponibile sui propri dispositivi, tra cui Sony Xperia XZ2, Xiaomi My MIX 2S, Nokia 7 Plus, Oppo R15 Pro, Vivo X21, OnePlus 6 e Essential PH-1.

È innegabile che questo sia uno dei progressi più importanti nella storia di Android contro la frammentazione. Dopo tutto, per la prima volta nei dieci anni di vita del sistema operativo, chiunque può acquistare un telefono diverso da Google e provare l’ultima versione di Android. E tutto grazie a brand come Xiaomi, Oppo o Vivo – tra i leader mondiali in termini di vendita di smartphone – che hanno deciso di lasciare da parte il loro orgoglio e lasciare per un attimo il livello personalizzato di alcune applicazioni e servizi.

Nel frattempo, altri si rifiutano di collaborare, e preferiscono continuare a sfruttare la loro fama mentre non solo non contribuiscono a nulla, ma a danneggiare l’universo del droide verde basato su aggiornamenti tardivi o dispositivi abbandonati che peggiorano l’immagine della piattaforma.