Il Pixelbook di Google sta lentamente guadagnando popolarità nel settore dell’istruzione negli Stati Uniti. Infatti, un numero maggiore di scuole sta utilizzando il nuovo Chrome OS della casa di Mountain View.

Tuttavia, il Pixelbook non ha accesso ad alcuni dei programmi e delle applicazioni più diffuse. Ciò riduce le possibilità che il dispositivo venga ampiamente utilizzato dai consumatori tradizionali. Gli utenti utilizzano principalmente Windows e macOS andando di fatto a trascuare il Pixelbook.

Sembra che Google si sia resa conto che per mantenere la sua base di utenti per questo dispositivo è necessario integrare alcune novità. Gli sviluppatori di XDA hanno rintracciato alcune prove che suggerirebbero come Google stia attualmente lavorando per ottenere la certificazione da Microsoft come dispositivo compatibile con Windows 10.

Secondo il blog, gli sviluppatori hanno individuato diverse menzioni relative al Microsoft Hardware Certification Kit (WHCK) di Microsoft ed all’Hard Kit Hardware (HLK) all’interno della base dei codici di Chromium. Ciò implica che Google non veda l’ora di ottenere tale certificazione da parte di Microsoft.

Google sarebbe pronta ad annunciare l’arrivo di Windows 10 sui Pixelbook

 

L’altra caratteristica interessante è il riferimento ripetuto ad un ‘AltOS’ da parte degli sviluppatori di Chrome OS. L’AltOS è un sistema operativo secondario che poteva far riferimento sia a Windows che al sistema Fuschia o persino Linux. Gli sviluppatori di XDA hanno confermano che AltOS non è altro che Windows 10 sviluppato per i Pixelbook.

Si tratterebbe di un enorme passo avanti da parte di Google e che farebbe felici molti utenti, in quanto il dispositivo diventerà più accessibile a tutti. Purtroppo al momento il Pixelbook è venduto solo in pochissime nazioni tra cui USA, Stati Uniti e Canada. Non abbiamo informazioni se il portatile raggiungerà mai anche il nostro mercato.