Nel settembre dello scorso anno, Samsung ha annunciato di stare lavorando a uno smartphone pieghevole. Nella fattispecie, il device avrebbe dovuto essere una variante del Samsung Galaxy Note, il che aveva senso in quanto questa linea di smartphone tende ad essere da sempre sinonimo di innovazione.

Il primo display edge-to-edge, ad esempio, debuttò su Galaxy Note Edge, una variante del Note 4. Ora, stando ad un report di The Korea Times, il primo smartphone pieghevole della coreana debutterà con il marchio Samsung Galaxy e lo farà il prossimo anno, nel 2019.

 

Samsung Galaxy pieghevole: debutto e prezzo di lancio

Non quest’anno, purtroppo. Ci dovremo accontentare di Note 9. Il progetto è comunque interessante, innovativo: vale dunque la pena attendere. Ma non è tutto, poichè la fonte ha svelato anche il prezzo di vendita: circa 1850 dollari.

Sì, è un prezzo alto. Supera persino quello di ZTE Axon M. Proprio come l’Axon M, il device  avrà due display che si combinano per crearne uno. Ci sarà anche un pannello “esterno” che fa da protezione ai display.

Leggi anche:  Galaxy Studio sbarca a Roma dal 15 settembre, ospiti i TheShow

The Korea Times afferma che, una volta aperto, il dispositivo avrà uno schermo da 7,3 pollici; il pannello esterno avrà una diagonale di 4,3 pollici. Quella che vi proponiamo di seguito è l’interfaccia utente del device:

 

Oltre al design, anche le funzioni saranno simili a quelle viste su Axon M. La fonte aggiunge altresì che le cerniere saranno caratterizzate da uno strano meccanismo di apertura, ma non aggiunge dettagli al riguardo.

In un mondo in cui i sostenitori di Android fanno tutto il possibile per distinguersi dalla massa, la ragione per cui le aziende smartphone di alto livello non stanno assaltando il mercato è perché i design pieghevoli sono diversi e consentono ai clienti di usarli con una sola mano, fornendo allo stesso tempo un display ad alta risoluzione più grande quando si desidera il multitasking” ha dichiarato un ingegnere Samsung al The Korea Times .