La prossima versione della CPU di Samsung Exynos esclusiva Mongoose 4 (M4) potrebbe esser pronta per l’inclusione per i futuri SoC Samsung. Secondo alcuni tweet, l’M4 supererà di gran lunga ARM Cortex-A76 in termini sia di prestazioni che di efficienza energetica, è un’impresa ma non inaudita.

La linea di SoC Exynos di Samsung ha tradizionalmente superato la stragrande maggioranza dei chipset concorrenti. Il nuovo Exynos 9820 probabilmente non rovinerà questa tendenza. Non sono state fornite ulteriori informazioni sulle prestazioni della nuova tecnologia, ma i core Cortex-A76 possono essere sincronizzati fino a 3,30 GHz. Quindi sarà impressionante se Samsung riuscirà a superare tale traguardo. L’attuale Exynos 9810 dell’azienda è costruito su un nodo di processo FinFET a 10 nm e la nuova versione dovrebbe apparire con FinFET a 7 nm.

Samsung Exynos M4 ribalterà tutto battendo la concorrenza e i suoi stessi predecessori

Ovviamente, la società sta lavorando per ridimensionarlo ulteriormente rispetto a un processo di 7 nm e, in futuro i nodi molto più piccoli non dovrebbero proprio essere esclusi. Tuttavia, un Samsung Exynos 9820 basato su 7 nm è quasi una certezza, dati i piani dell’azienda per i suoi chip. Nel frattempo, pare che sia già stato aggiunto un ramo di supporto per il nuovo Exynos in silicone, completo di set di funzionalità e test. I nuovi core M4, però, probabilmente non ci saranno fino all’arrivo del Samsung Galaxy S10. Quindi dovremo aspettare un po’ per ulteriori indicazioni dell’azienda stessa.

Leggi anche:  Samsung Galaxy A6s, ecco le prime immagini reali

Detto questo, quando arriverà, non oltrepasserà i nuclei di ARM, secondo le informazioni trapelate. Inoltre, annullerà il predominio di Apple nelle prestazioni grazie ai materiali utilizzati. Il punteggio del benchmark sarebbe arrivato a oltre 13.000, anche se ciò potrebbe tradursi in un chipset molto meno efficiente del previsto. In ogni caso, non c’è al momento nessuna ufficializzazione nonostante le varie notizie siano credibili e quasi certe.