Passa a TIM: torna la Five Go insieme con la 10 Super Go, si parte da 7 euro

Gli utenti TIM sono sempre al centro della bufera. Sia chiara una cosa in principio di discorso: questa volta non andremo a parlare dell’ennesima stangata sui prezzi, nonostante sui social siano sempre di più le persone sul piede di guerra. Sono migliaia i clienti che proprio in queste ore si sono visti decurtati alcuni euro dal proprio credito residuo.

TIM, un banale errore inguaia i clienti

Considerando il passato recente del provider, è ovvio che l’idea comune sia rivolta ad una nuova rimodulazione dei prezzi. Così non è. Le notizie per i clienti TIM sono tutto tranne che drastiche.

Se anche voi, vi siete visti decurtare una particolare somma di denaro dal vostro credito, potete tranquillizzarvi e sotterrare l’ascia di guerra. Il mancato credito è frutto di un tanto semplice quanto grave errore del provider.

Leggi anche:  TIM non perdona Wind e Vodafone: offerta da 6,90 euro con 50 giga e tanti minuti

Il motivo del contendere è un semplice prefisso. Il brand nazionale, infatti, è riuscito nell’impresa di confondere il prefisso portoghese “+351” con il prefisso standard che il Ministero dello Sviluppo Economico ha affidato ad Iliad, il semplice “351”. Da qui l’inconveniente che tutte le telefonate rivolte ai numeri Iliad veniva catalogate come internazionali, scatenando decrescite di crediti.

TIM già si è cosparsa il capo ed ha ammesso l’errore. Da qui a breve tutti gli utenti penalizzati saranno rimborsati integralmente.