Un cosiddetto blogger su Instagram ha scatenato un’accesa discussione dopo aver pubblicato una sua foto posando sulle rovine dell’antica città di Pompei.

La vicenda coinvolge Nils Travel. Quest’ultimo ha circa 44.000 follower su Instagram. Di recente ha pubblicato la foto di se stesso in cima a un pilastro nella città di Pompei con la didascalia: “Una piccola area SENZA persone! (…)” Poco dopo, il blogger di viaggi ha iniziato a fare i conti con le critiche online.Sedersi sulle rovine di Pompei non è solo irrispettoso, ma proibito.

Oltre alle minacce di morte, la foto ha provocato rabbia in Italia. Numerose persone hanno riferito di Nils alle autorità. La foto ha anche spinto Vincenzo Marasco, un ricercatore locale, a scrivere un post su Facebook sui problemi con la foto. Marasco ha scritto accanto alla foto di Nils che la delicatezza del nostro patrimonio storico deve essere preservata e difesa soprattutto da coloro che non sono consapevoli del suo grande valore.

Noto blogger di Instagram postando una foto di se stesso seduto sulle rovine di Pompei ha scatenato l’ira degli utenti

In risposta allo sdegno internazionale per la sua foto, Nils ha deciso di mantenere la foto sui suoi social media ma ha sostituito la didascalia originale con delle scuse. “Ammetto che non è stata la mia decisione più intelligente. Non pensavo al significato storico del luogo e al modo in cui poteva essere percepito da altri. Nella foto cerco sempre di trasmettere la bellezza e la sensazione di sperimentare in un luogo. Quindi non intendo assolutamente mancare di rispetto”.

“Tuttavia, come qualcuno con un grande seguito online nella nicchia del turismo, mi rendo conto di avere maggiore responsabilità rispetto ad altri. Sono un esempio di cosa non pubblicare, o come comportarsi come un viaggiatore. Ora più che mai mi è chiaro“. E, come “segno di buona fede e rimorso”, Nils ha invitato i suoi seguaci a donare al Progetto di conservazione di Pompei, che conduce lavori di ricerca e restauro sul sito.