Mi VR standalone

Nel pomeriggio del 31 maggio c’è stata la conferenza di Xiaomi a Shenzhen in Cina in cui, oltre alla presentazione degli attesi nuovi smartphone serie Mi 8, è stato lanciato sul mercato Xiaomi Mi VR Standalone Headset. La versione da 32GB ha un prezzo di circa 200 euro, mentre la 64GB verrà circa 240 euro. Secondo una nota ufficiale, il primo stock del nuovo headset è andato esaurito in soli 4 minuti, per una totale di 100.000 unità.

L’obiettivo di Xiaomi è+ di arrivare a vendere oltre 1 milione di pezzi e, viste le premesse del primo stock, non sembra esserci ostacolo alcuno al successo di questa operazione.

 

Mi VR standalone: caratteristiche tecniche

Mi VR standalone è il frutto della collaborazione tra Xiaomi e Oculus. In verità, è un accordo a breve termine ma, proprio per questo, le due aziende hanno raggiunto un ottimo rapporto qualità/prezzo sul prodotto. Come stabilito dal produttore cinese, Mi VR è in performance l’equivalente di uno smartphone top di gamma a cui si aggiungono: il sisetma ottico VR, i sensori e il controller. Non richiede alcun uso in connessione con un pc o un terminale mobile, e funziona completamente senza fili.

Leggi anche:  Smartphone del 2018: quali sono i materiali usati per costruirlo

Il processore dedicato proviene dagli smartphone ed è un Qualcomm Snapdragon 821 supportato da una batteria da 2.600mAh. Le ottiche sono customizzate per la VR e hanno una risoluzione 2K con refresh della frequenza dinamico a 72Hz, ottimo per ridurre il ritardo nel segnale. Grazie al know how di Oculus con il suo speciale sistema ottico diffrattivo, si nota una sensibile riduzione del senso di vertigine sperimentato dagli utenti su prodotti VR precedenti.

Potremmo affermare senza offendere nessuno che questo headset Mi VR standalone è la versione cinese di Oculus Go, così com’è stata battezzata dai media occidentali. Parlando di Oculus, non possiamo non menzionare l’operato del vice presidente Hugo Barra, il quale proviene proprio dall’esperienza in Xiaomi. Grazie anche al suo interesse, Barra ha annunciato che Oculus e l’azienda cinese hanno raggiunto un’intesa anche via software. È sempre di questi giorni, infatti, il lancio del Xiaomi VR application store, contenente migliaia di app dedicate al mondo virtuale e ben 10 categorie di giochi diverse.