Samsung visita medica smartphoneIl team Samsung Mobile sta prevedendo nuove interessanti funzioni per i suoi telefoni. In particolare, è in fase di applicazione un nuovo progetto, che ben presto consentirà di beneficiare dei consulti medici a distanza. Tutto sarà gestito tramite smartphone, attraverso nuovi strumenti software che mettono in contatto medico e paziente.

 

Con Samsung il medico è a portata di mano

Con un mercato smartphone che, anche per questo Q1 2018, ha visto per Samsung una crescita importante, si torna a parlare di applicazioni. Nello specifico di applicazioni legate alla gestione della Salute tramite il metodo a distanza.

Nel Regno Unito, gli smartphone potranno essere adoperati per richiedere un consulto medico. Lo ha annunciato l’affermato Financial Times che, attraverso un nuovo report, mette in luce i recenti accordi stabilitesi tra la società e Babylon Health.

Quest’ultima realtà, in particolare, si occupa di governare una complessa intelligenza artificiale che si indirizza in maniera mirata all’ambito della medicina e, più propriamente, dei consulti online.

Leggi anche:  Apple potrebbe tornare a produrre nuovamente iPhone X

Un partnership, spiega il giornale, che garantirà agli utenti inglesi un sistema decisamente efficace di consulenza, da attuarsi mediante una video chat. I risultati delle diagnosi saranno poi immagazzinati nell’app companion Health. Trattandosi di un servizio aggiuntivo si prevedono dei costi, stabili secondo questo prospetto differenziato:

  • Canone annuale: 57 euro
  • Singola visita: 28 euro

Samsung medici smartphoneInfine, Samsung pagherà a Babylon una quota di licenza per l’utilizzo della sua tecnologia. Le entrate saranno poi condivise con la startup che, almeno per il momento, fornirà i suoi servizi limitatamente al Regno Unito.

Come vi sembra l’idea di un sistema a distanza per le visite mediche? In realtà vi sono già dei nuovi progetti, ma legati agli agli ambienti delle Realtà Virtuale. Al riguardo, lasciateci pure un vostro personale parere.

NON PERDERTI: Recensione Galaxy S9 Plus