Samsung Galaxy S7
Buone notizie per i possessori di Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge. L’aggiornamento ufficiale ad Android 8.0 Oreo sarebbe imminente anche nel nostro Paese. Mancherebbe pochissimo all’inizio del rilascio che difatti potrebbe iniziare mentre stiamo scrivendo questo articolo, tra qualche ora o al massimo durante il weekend.

LEGGI ANCHE: Galaxy A3 (2017), anche per lui l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo porta solo guai

Secondo le segnalazioni dei possessori dei due smartphone, l’aggiornamento ad Android Oreo per Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge è già disponibile in diversi Paesi dell’Unione Europea. Nello specifico, il major update può essere scaricato e installato nel Regno Unito ma anche in Germania, Belgio e Spagna.

In Spagna, l’aggiornamento è disponibile per il momento solo per i modelli brandizzati Vodafone ma non ci vorrà molto prima che vengano aggiornate anche le versioni No-Brand. La versione firmware dell’aggiornamento è la XXU2ERE8, pertanto quella corretta e priva del bug che mandava in bootloop gli smartphone.

 

Galaxy S7, come prepararsi all’arrivo imminente di Android Oreo in Italia

L’attesa, per voi possessori, è stata abbastanza lunga ma ormai è davvero agli sgoccioli. Tuttavia, prima che Android Oreo risulti davvero disponibili è consigliabile preparare il proprio smartphone alla sua ricezione. Anche se il download e l’installazione sono procedure uguali a quelle degli altri aggiornamenti, Android Oreo è molto pesante.

Leggi anche:  Samsung: il trucco incredibile per avere 1000 euro di buono in regalo gratis

Tutte le novità come le nuove funzionalità ma anche i miglioramenti e le ottimizzazioni hanno infatti un peso. Nello specifico, l’aggiornamento ad Android Oreo dovrebbe avere una dimensione maggiore di 1 GB. Pertanto, è necessario recuperare almeno 1 GB di spazio sulla memoria interna del proprio Galaxy S7.

Farlo è molto semplice perché basta concentrarsi su tutti i file e quindi documenti scaricati ma anche musica, immagini e video, di cui si può fare tranquillamente a meno. Inoltre, è bene eliminare tutte quelle applicazioni che non si utilizzano. In questo modo avete recuperato abbastanza spazio per ospitare Android 8.0 Oreo.

Un altro consiglio, terminata la pulizia, è quello di eseguire un backup completo. Questo serve per evitare inconvenienti durante la fase di installazione dell’aggiornamento che dovete eseguire solo con la batteria completamente carica o connessa alla rete elettrica.

L’ideale, infine, sarebbe quello di ripristinare lo smartphone alle condizioni di fabbrica poco prima che lo si aggiorna. E solo una volta terminata l’installazione, ripristinare i dati più importanti. Se non avete intenzione di seguire questo consiglio, limitatevi ad eseguire un wype cache da recovery dopo che avete aggiornato.