10 applicazioni Android da non scaricare assolutamente

Nel Play Store sono disponibili oltre 2 milioni di applicazioni, ma come ben saprete, la piattaforma Android a differenza di quella Apple, permette alcune applicazioni.

La piattaforma Apple infatti, censura e vieta alcune applicazioni che sono ritenute contro le regole. I dispositivi Android infatti sono molto più personalizzabili rispetto a quelli iOS. Delle volte, questa, potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio.

 

Ecco 10 applicazioni Android che sarebbe meglio non scaricare

Alcune applicazioni, come quelle che andremo ad elencarvi, hanno il solo scopo di rallentare il vostro smartphone e mettere a repentaglio la sicurezza di quest’ultimo. La prima applicazione che sarebbe meglio non installare, si chiama Turbo Power Clean, applicazione finta che non fa assolutamente quello che dice. Non velocizza lo smartphone anzi, possiede tantissimi permessi per entrare nelle foto, contatti, numeri di telefono e molte altre funzioni.

Le applicazioni per scaricare MP3 è meglio non installarle, accedono ad una quantità incredibile di dati, hanno moltissime pubblicità che delle volte attivano anche abbonamenti abbastanza costosi. Se volete ascoltare la musica sul vostro smartphone, potete farlo utilizzando l’account free di Spotify. Non scaricate le applicazioni che promettono di ottimizzare la batteria del dispositivo perché sugli smartphone Android, sono inutili.

Leggi anche:  Android: una lunga lista di nuove applicazioni e giochi da scaricare GRATIS sul telefono

360 Security è un’altra applicazione che non fa quello che promette anzi, è solita installare altre applicazioni senza il vostro consenso. Su Android, Advanced Task Killer e simili, chiude tutte le applicazioni che rallenterebbero lo smartphone. Come ben saprete però, tutte le ultime versioni del sistema operativo, gestiscono in modo ottimale le applicazioni aperte in background.

Go Keyboard è una tastiera alternativa per Android ma che in realtà va a catturare tutti i dati che inserite con la stessa. Nella community Android, è noto che le informazioni raccolte, vadano direttamente agli sviluppatori. Simsimi è una chatbot che, con l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, è solita inviare messaggi inappropriati, rimossa dal Play Store proprio per questo motivo. Come Sarahah, che prometteva di inviare post anonimi ma in realtà pericolosissima soprattutto per minori, anch’essa rimossa da Play Store.