Youtuber e Millennial: sono loro ad avere il potere dell'esperienza digitaleSono giovani, vogliono consumare qui e ora, preferiscono la comodità, il comfort, cercano di associarsi a cause sociali e si preoccupano della sostenibilità. Si orientano agli influencer digitali, apprezzano la qualità ma anche la loro relazione con il prezzo. Si sentono potenti e alcuni marchi lo hanno già capito. Altri ancora guardano con sospetto e diffidano da eventuali rischi. Sono venuti per restare e non c’è nessun giovane che non li conosca.

Gli YouTuber generano milioni di visualizzazioni. Molti di loro vivono il 100% della propria attività, influenzano così tanti giovani e rispondono alle loro aspirazioni, gusti e desideri. Popolarmente conosciuti come “influencer digitali“, hanno già guadagnato l’attenzione di diversi marchi che operano nel settore del retail che progettano campagne su misura per i Millennial. Si tratta di un nuovo paradigma di vendita al dettaglio? La lingua è condivisa da tutti, e milioni di abbonati al canale YouTube e spettatori di contenuti, le migliaia di follower sui social network, stanno creando un nuovo percorso che sembra non avere alcun ritorno.

Per Miguel Sabino, CEO di Thumb Media, sono più che YouTuber o influencer digitali. “Sono nativi di piattaforme digitali e creatori di contenuti. YouTube, grazie alle dimensioni e della capacità di creare, trattenere e fidelizzare il pubblico, ha permesso loro di creare una presenza e un vasto pubblico“, afferma.

Thumb Media si assume come una società che produce, distribuisce e gestisce contenuti audiovisivi e proprietà intellettuale su piattaforme digitali. Dal 2014, e fino ad oggi, ha anche sviluppato il suo lavoro come aggregatore di canali per YouTube, con l’obiettivo di aiutarli a monetizzare i loro contenuti e ampliare la loro presenza su questa piattaforma. “Siamo vicini a 1.100 canali YouTube con una copertura mensile di oltre 120 milioni di visualizzazioni“, afferma.

 

Cosa vogliono i giovani oggi?

E, inoltre, cosa consumano i millennial? E i giovani, oggi, consumano allo stesso modo di dieci anni fa o addirittura di un anno fa? L’amministratore delegato di Thumb Media ritiene che “le cose stiano progredendo sempre più velocemente, e i giovani seguono con entusiasmo. Lo standard di consumo dell’intrattenimento si è spostato da un modello di lungo formato a lunga durata con ripetizioni multiple a un modello immediato di forma breve, facile da assorbire. Mentre YouTube è una piattaforma che memorizza video per anni, il normale pattern di un video su un canale ad alto traffico è il 70-80% del suo traffico nei primi giorni dopo la sua pubblicazione. Dopo ciò, il traffico è residuo. Anche i soggetti che generano grande interesse e polarizzazione, anche da parte del pubblico, passano velocemente alla storia non appena viene pubblicato il prossimo video. E così via“.

Leggi anche:  YouTube per PC: introdotto un mini-player per continuare a guardare il video senza pause

Il qui e ora, preferibilmente rapidamente, prevale. Così sono i giovani che consumano oggi. E allo stesso tempo, gli YouTuber fanno da modello. C’è una spiegazione per questa partita tra i giovani anonimi e coloro che vengono a farsi conoscere al grande pubblico. “Sono persone comuni, come migliaia e migliaia di altre persone comuni che li seguono. E questa vicinanza e la relatività li induce a seguire e ispira i più giovani ad essere come loro. Sono seguiti perché i giovani scelgono di vederli e seguirli. E fa la differenza il modo in cui poi si relazionano con loro, e cercano di seguire e imitare“, ha aggiunto Miguel Sabino.

L’influenza va oltre il limite del consumo, anche evidente nella componente emotiva e comportamentale. Mentre la popolarità di YouTube è oggi un fenomeno in gran parte aumento soprattutto tra i giovani (non accade così nei Paesi in cui questo fenomeno ha guadagnato rilevanza negli ultimi 10 anni), YouTube finisce per avere un grado significativo di influenza con le nuove generazioni e, naturalmente, ha la capacità di influenzare non solo le loro abitudini di consumo, ma anche il loro comportamento e le loro emozioni.