rispmarmiare dati androidAndroid è un sistema notoriamente avido di risorse, sebbene con le ultime release di sia provveduto a garantire un minor margine di spesa in termine di traffico dati. Le app in background ed i servizi portano via una valanga di GIGA impossibili da recuperare. Impossibile? Niente affatto. Scopriamo come risparmiare traffico dati Android in 9 mosse.

 

Accesso delle app ad Internet

Possiamo impedire alle app di accedere ad Internet per scaricare dati inutilmente quando non sono in uso. Ci si può affidare all’ottima NetGuard, un’applicazione realizzata da Marcel Bokhorst che consente di definire il comportamento di ogni singola app in rete in maniera facile e soprattutto gratuita. Non serve nemmeno il root del telefono, basta avere una versione minima Android 5.0 Lollipop.

NetGuard - no-root firewall
NetGuard - no-root firewall

 

Aggiornamento app

Aggiornare le app con connessione dati porta ad un rapido esaurimento dei GIGA. Per ovviare a questo basta appoggiarsi alle reti WiFi o agli hotspot gratuiti. Se devi aggiornare il tuo sistema ad una major release o con le patch del mese, aspetta! Trova prima una connessione WiFi gratuita e poi provvedi. Imposta a priori il comportamento per le app da:

Impostazioni>Aggiornamento automatico app>Non aggiornare automaticamente le app/Aggiornamento automatico solo in modalità Wifi.

 

Controllo dati background

Da Impostazioni>Dati mobili>Valutazione uso dati mobili si prende visione della lista completa delle app attive e di tutti i dati che stanno utilizzando. La selezione della corrispondente voce Dati background consente di definire il profilo per il download delle informazioni dalla rete mobile. Non esprimendo il consenso avremo più dati. Ma fate attenzione a non deselezionare per app come Whatsapp, altrimenti non si potranno ricevere notifiche ed effettuare chiamate.

 

Servizi offline

Invece di acceder al cloud di Google, Samsung, Dropbox e degli altri servizi di storage online sfruttate le opzioni di backup in locale per i vostri documenti, specie se di dimensioni generose. In tal modo avrete anche il vantaggio di averli sempre a portata di tap, senza il rischio di risultare irraggiungibili a causa di una connessione lenta o assente.

Questo vale, come detto, per i documenti ma anche per gli altri servizi come Google Maps, che in tal caso porta via tantissimi dati. Salviamo le mappe prima del nostro itinerario per l’area di interesse e consultiamo tutto in modalità offline. Un’ottimo metodo per risparmiare traffico dati.

 

Comprimere le pagine Chrome Browser

Il browser Google Chrome definisce la funzione di compressione delle pagine web. Il consumo, rispetto ad una navigazione normalizzata, si riduce di un fattore pari al 15/30%. Per attivare l’opzione corrispondente si passa dalle Impostazioni procedendo tramite la voce Risparmio dati da porre su ON. A questo punto avremo anche l’indicatore dei MB risparmiati in navigazione. Il rovescio della medaglia è una leggera lentezza nel download delle pagine.

 

Compressione video su Opera

Più che i contenuti testuali, i video rivestono particolare importanza nella gestione del traffico dati Android. Guardare video su Youtube tramite Opera, ad esempio, non è un buon modo per stare alla larga dalla sezione “Aggiungi GIGA alla tua offerta” dell’app ufficiale del tuo operatore.

Occorre quindi abilitare una funzione di risparmio dati che su Opera Browser si raggiunge da Impostazioni (tre linee in basso a destra) tramite l’icona ingranaggio che consente di selezionare poi la voce Dati risparmiati>Compressione video. I video verranno caricati molto più velocemente e risparmieremo anche una notevole quantità di dati mobili.

 

Condivisione sì, ma nel modo giusto

Invece di condividere foto, video, audio e documenti su Whatsapp ed altri servizi paralleli sarebbe meglio sfruttare i canali di comunicazione diretti (se a portata del vostro interlocutore, ovviamente). Stiamo parlando dei sistemi Bluetooth e WiFi-Direct. 

Un semplice tap su Condividi > Bluetooth (o WiFi-Direct) e saremo pronti a trasferire tutto senza consumare GIGA. Ricorda di attivare il Bluetooth ed assicurati che, in caso di trasferimento WiFi-Direct, entrambi i dispositivi siano abilitati a questa tecnologia.

 

Risparmiare dati con chiamata Whatsapp

In realtà ne avevamo già discusso ma è sempre bene riconsiderare l’argomento, visto l’interesse che riscontra tanto per il pubblico iOS che Android e Desktop. In questo caso, l’applicazione offre la possibilità di ridurre il consumo del traffico dati in chiamata tramite opzione Consumo dati ridotto che troviamo nelle Impostazioni alla voce Utilizzo Dati.

Nella medesima schermata troviamo anche le voci dedicate al download automatico dei file, per i quali conviene selezionare opportunamente i parametri per video, foto e documenti (meglio se in WiFi esclusivo per i video).

 

Limita i consumi

Concludiamo con un’ovvietà. Per “arrivare a fine mese” con il nostro traffico dati Android dobbiamo limitare il traffico dati in uscita, o quanto meno tenerne traccia. Per farlo interveniamo direttamente dal sistema tramite Impostazioni>Dati mobili. Da qui definiamo un Promemoria di Utilizzo che lancia una notifica una volta raggiunta la soglia stabilita. Se, ad esempio, avete un piano con 10 GIGA al mese potete definire un alert a 9.5 GIGA, sapendo che rimangono soltanto 0.5 GIGA per tutto il resto del mese.

Si tratta di semplici trucchetti alla portata di tutti, ma comunque indispensabili per preservare la quantità di GIGA mensili. Siete riusciti a giungere a fine mese senza dover estendere il piano dati?