postepay truffaNell’ultimo periodo è tornata una nuova truffa, consiste nel mandare un SMS ai possessori di una carta Postepay, simulando un presunto blocco di questa, così l’interessato cercando di rimediare a ciò, renderà possibile l’acquisizione dei suoi dati personali da parte di questi individui.

Ovviamente il fine, sarebbe riuscire a prelevare i soldi dal conto del malcapitato, presente sulla carta. Nel messaggio viene riferito del bloccaggio della carta e ci sarebbe anche allegato un link che si invita a cliccare per cercare si sbloccare la propria carta. Così la vittima cliccando su quel link, offrirà la possibilità, a questi malviventi, di accedere alle sue informazioni personali.

È facile cadere nel tranello posto da queste persone, perché la pagina che si aprirà, sarà simile a quella di accesso delle Poste Italiane e quindi dell’ Account del possessore della Postepay, di conseguenza aggiungendo le credenziali, le informazioni personali saranno prese e utilizzate a discapito di chi è cascato in questa truffa.

Il consiglio dato da terze persone, è quello di ignorare ed eliminare subito il messaggio, appena accertatosi dell’infondabilità del messaggio; quindi nel momento in cui ci si rende conto che si sta visualizzando un messaggio poco chiaro, bisogna non reagire d’impulso aprendo il link espresso nel testo, soltanto per una passeggera curiosità e aggiungere le informazioni ingenuamente, ma nel caso in cui vi sia qualche dubbio, occorre riferirsi ai contatti telefonici, che si possono reperire direttamente sul sito delle Poste Italiane o chiedere a chi di dovere, come un referente delle Poste italiane, che possa darci qualche informazione in più e di conseguenza smentire la veridicità del messaggio.

Leggi anche:  PostePay attaccata dopo Unicredit, SanPaolo e BNL da nuove truffe online

 

Postepay: un link svuota la vostra carta di credito prepagata

Non bisogna assolutamente cliccare sul link, perché questo porterebbe ad infelici novità. Infatti, ogni cliente, possessore di una Postepay ha un’area clienti in cui può ricevere informazioni o informarsi lui stesso di eventuali curiosità, per questo le poste italiane hanno altre vie per poter comunicare con i propri clienti evitando di utilizzare questi format.

Bisogna anche controllare e leggere attentamente il messaggio, che se a prima vista potrebbe sembrare reale, in una seconda analisi fatta con più attenzione, si può capire che nasconde qualcosa di strano, prima di tutto si nota l’assenza di spazi dopo la punteggiatura, cosa che fa pensare sia improbabile che provenga direttamente dalle Poste Italiane e secondo necessita di un’attenta lettura, perché spesso l’italiano potrebbe essere scorretto.

Anche se, molto spesso la disattenzione e altri fattori come l’età e l’inesperienza possono portare i meno esperti a non riflettere su queste eventualità e di conseguenza può portarli a credere che il messaggio sia veritiero, infatti Il fatto di sfruttare come attacco gli SMS è una scelta particolarmente pensata, perché i messaggi sono alla portata di tutti e anche di chi magari non avendo abbastanza conoscenza del mondo della tecnologia, anche per sbaglio, può aprire il link messo a sua disposizione, spinto da una semplice curiosità.