Google Pixel Buds
Google Pixel Buds, ovvero delle ottime cuffie auricolari wireless con tecnologia Bluetooth, sono un prodotto che, però, non offre la possibilità di usare le gesture senza dover ricorrere all’assistenza del proprio smartphone.

Dopo averle lanciate solo pochi mesi addietro, ora Google ha deciso di progettare un update specifico per gli auricolari con l’intenzione di risolvere questa mancanza.

 

I tre update in Google Pixel buds

Il primo aggiornamento è l’integrazione di un triplo tap sulle stesse cuffie per accenderle o spegnerle. In precedenza, per disattivare le Pixel Buds, l’unico modo era riporle nella relativa box di ricarica. Con questo update sarà possibile risparmiare molta energia (visto che non sempre potremo portare la charge box in giro), sebbene Pixel Buds erano già un prodotto che aveva un’autonomia sopra la media dei competitor.

Arriviamo però al pezzo forte del secondo aggiornamento, poiché Google introdurrà un doppio tap per mandare avanti le tracce musicali. Una gesture che, in realtà, sarebbe dovuta essere già presente al lancio, ma comunque ne siamo felici che stia arrivando. Approfondendo l’argomento, fu un vero autogoal per Google non aver inserito il track skipping prima d’ora, poiché molti utenti hanno preferito acquistare le Apple AirPods.

Leggi anche:  Pixel 3, la navigazione si basa sulle gesture e questo è il futuro di Android

Infine, è stato migliorato anche l’accoppiamento Bluetooth tra dispositivi diversi, rendendo il processo veloce e più efficace. Per effettuare il cambio di device, bisogna prima cercare i Pixel Buds dal menu Bluetooth del secondo dispositivo, selezionare gli auricolari che, in automatico, saranno da ora in poi scollegati dal device originario.

Tre aggiornamenti che rendono Google Pixel Buds decisamente un accessorio migliore rispetto al lancio. E voi che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.