Fastweb indagata dall'Antitrust

L’Unione Nazionale Consumatori ha fatto denuncia all’Antitrust contro Fastweb, Tim, Vodafone e Wind Tre. Gli operatori sarebbero accusati di addebitare costi nascosti per la fruizione di servizi vari.

L’Associazione ha inoltre lanciato una lista di 10 costi nascosti a cui dovreste prestare attenzione. Si tratta di servizi come chiama ora o ti ho cercato.

 

Fastweb indagata dall’Antitrust insieme a Tim, Vodafone e Wind Tre

Molti clienti credono che servizi come Lo sai e Ti ho cercato siano gratuiti. In realtà per la maggior parte degli operatori hanno un costo. Altri servizi sono la segreteria, la chiamata per conoscere il credito residuo, l’antivirus e molti altri. Abbiamo appena assistito al passaggio dalla fatturazione 28 giorni a quella mensile. Ora il problema è legato ai costi nascosti di alcuni operatori.

Leggi anche:  Passa a TIM: offerta senza limiti con 50GB in 4G e 1000 minuti per tutti

Per esempio servizi come internet più sicuro al costo di 1 euro alla settimana, oppure un antivirus o una protezione per lo smartphone. Questi servizi sono molte volte non presenti all’interno delle offerte. Si può arrivare a pagare una promozione anche 15 euro al mese, nonostante fosse inizialmente proposta a 10 euro.

Fastweb, è forse l’unico operatore che con l’iniziativa #nientecomeprima ha voluto abolire tutti i costi aggiuntivi nascosti. L’operatore ha voluto rendere trasparenti tutte le proprie offerte con quello che vedi = quello che paghi. Inoltre tutti i servizi come segreteria telefonica, chiama ora, ti ho cercato, sono gratuiti.