seat leon android autoL’impatto degli smartphone sulla vita di tutti i giorni è in perenne crescita e, sicuramente, non poteva mancare il loro ingresso nel mondo della guida. Durante la giornata quante ore trascorriamo in auto? Molte, senza ombra di dubbio.

Che sia per recarci a lavoro, per accompagnare i figli a scuola, per andare in palestra o per partire per le ferie, ormai non abbiamo più problemi: la tecnologia ci viene in aiuto. I due principali sistemi operativi implementati nei nostri smartphone, iOS e Android hanno sviluppato, infatti, dei veri e propri assistenti di guida (e molto altro): rispettivamente, CarPlay e Android Auto.

 

Apple CarPlay

Apple permette di utilizzare sui propri smartphone (a partire da iPhone 5) il servizio di guida CarPlay.

Quest’ultimo è in grado di trasportare lo schermo del proprio dispositivo sul display dell’auto (meglio ancora se touchscreen) e di poter godere di una moltitudine di applicazioni sviluppate dalla casa di Cupertino. La più ovvia è quella che gestisce le mappe: non sarà soltanto un semplice navigatore ma diventerà un vero e proprio copilota.

Infatti, attraverso l’analisi delle proprie email, messaggi, contatti e calendari, CarPlay riuscirà persino a prevedere le nostre destinazioni più probabili. E se ciò non bastasse, è in grado di cercare in nostra vece i ristoranti, le stazioni di servizio o i bar più vicini.

Moltissime vetture, inoltre, stanno elaborando volanti interattivi con pulsanti che permettono di adempiere alle proprie richieste senza distrarsi dalla guida. Ad esempio, mantenendo premuto il tasto di chiamata sul volante, CarPlay attiverà il dialogo con Siri, l’assistente vocale di iOs, a cui possiamo chiedere praticamente tutto: dal meteo al traffico, dal leggere al rispondere ai messaggi.

Ebbene sì, sarà possibile finanche ascoltare i messaggi, visualizzarli sullo schermo della propria automobile e dettare allo smartphone la nostra risposta. E non finisce qui: per quanto riguarda la musica potremo fruire di molteplici servizi, da iTunes a Spotify. Sono infatti molte le app di terze parti che è possibile gestire tramite CarPlay, tra cui anche WhatsApp e la summenzionata Spotify.

Leggi anche:  Android: queste 3 applicazioni sono gratis solo oggi, scaricatele dal Play Store

 

Android Auto

Non possediamo un iPhone? Nessun problema, per i dispositivi Android viene in soccorso Android Auto. Si tratta di un assistente per molti versi speculare a CarPlay, che può essere utilizzato sugli smartphone che implementano il sistema operativo Android 5.0 e successivi.

Nuovamente, se la nostra automobile dispone di uno schermo interattivo sul cruscotto, Android Auto vi proietterà una serie di interessanti servizi. Innanzitutto, con un solo tocco avremo a disposizione il servizio di navigazione Google Maps con tutti i vantaggi che ne derivano: posizione del parcheggio salvata, analisi in tempo reale del traffico, fedeli previsioni di arrivo a destinazione, e altro ancora.

Con Google Play Music potremo ascoltare durante la guida playlist selezionate tra oltre 40 milioni di brani e tramite l’assistente vocale Google saremo in grado di gestire chiamate e messaggi. Infine, anche Android Auto permette di gestire app varie tra le quali spiccano nuovamente Spotify, WhatsApp e Skype.

 

Situazione Attuale e Sviluppi Futuri

Come abbiamo visto, CarPlay e Android Auto sono in grado di assolvere a moltissimi compiti di cui abbiamo bisogno quotidianamente mentre ci troviamo al volante. Per questo è diventato palese alle aziende automobilistiche che l’implementazione di simili servizi sulle proprie vetture rappresenta un incentivo alla vendita delle stesse.

Infatti, ad oggi sono più di 300 i modelli d’auto che supportano CarPlay e oltre 400 quelli che sfruttano Android Auto. D’altronde, ci aspettiamo che nel prossimo futuro questi numeri subiranno una crescita sempre più elevata.