Scopriamo insieme il futuro di Facebook Messenger

Oggi vogliamo parlarvi di Facebook Messenger, la chat di messaggistica del social network più utilizzato al mondo. Ha parlato anche Stan Chudnovsky, il capo del team della chat.

L’argomento generale era lo scandalo Cambridge Analytica che ha coinvolto il social negli ultimi mesi anche se, stando agli ultimi dati sembra che la piattaforma si sia ripresa più che bene.

 

Facebook Messenger, ecco il futuro della chat di messaggistica del social network

L’azienda è nel mirino da molti mesi, più precisamente dall’inizio dello scandalo, l’accusa è la solita: non curarsi della privacy degli utenti. Proprio un mese fa il CEO dell’azienda Mark Zuckerberg è stato accusato di propagare l’odio razziale nel Paese in seguito ad alcuni insulti su Messenger. Mark si è subito giustificato chiedendo scusa e bloccando sulla chat alcuni messaggi di questo tipo. Ha successivamente ammesso che l’azienda ha il potere di leggere le comunicazioni private sulla chat.

Stan Chudnovsky in una recente intervista ha parlato anche di questo problema, problema per gli utenti, che non vogliono che qualcuno spii le proprie conversazioni. Ecco le sue parole: “Provo a rispondere in questo modo: l’intelligenza artificiale ci offre una grande mano: il 99% delle cose che vengono cancellate dalla piattaforma sono trovate automaticamente, senza che qualcuno le veda o le riporti. Nessun umano legge i tuoi messaggi. È un processo automatico: se questo può prevenire cose orribili mi sembra sia una vittoria“.

Leggi anche:  Facebook: ulteriore attacco, i dati degli utenti in vendita nel dark web

La giornalista chiede successivamente a Stan se gli piacerebbe che la sua compagnia telefonica ascoltasse le sue conversazioni per controllare che non stia compiendo un crimine. A questa domanda risponde: “Ma nelle telefonate non condividiamo immagini, su Messenger sì e c’è chi si scambia foto pedopornografiche. Se io ho uno strumento che automaticamente può percepire la presenza di foto di bambini, senza fare una scansione di cosa hai scritto, allora è giusto che lo usi per avvertire l’autorità“.