Ci troviamo nell’era del digitale, nel secolo in cui tutto può essere comprato, venduto o controllato tramite internet. Non è più necessario recarsi in banca per effettuare operazioni finanziarie, ogni cosa può essere verificata dall’home banking. Bisogna però prestare molta attenzione, i tentativi di accesso alle proprie aree riservate sono all’ordine del giorno, trascurando dei semplici punti si rischia di trovare il proprio conto corrente svuotato. Ad esempio nuovi tentativi di phishing si sono verificati negli ultimi giorni in casa Unicredit, Intesa San Paolo e BNL. Ma andiamo a capire meglio cosa è veramente accaduto.

Cos è il phishing? Si parla di phishing quando si verificano tentativi di appropriazione di credenziali di un account tramite mailing o sms. Spieghiamo meglio. I malintenzionati inviano mail in modo massiccio esponendo un problema qualsiasi per il quale vengono richieste le credenziali di accesso. La mail è configurata come un messaggio della banca, anche il mittente è simile, ma si tratta in realtà di una truffa.

Non sempre il phishing è operato tramite email. Sono stati rilevati numerosi casi in cui la stessa configurazione di truffa è stata però effettuata tramite SMS o, talvolta, tramite chiamata telefonica.

Come difendersi dal phishing? E’ necessario prima di tutto ricordare che nessuna banca richiederà mai dati sensibili tramite mezzi di comunicazione come email, sms o chiamate. E’ importante non fornire mai password a sistemi, anche se queste vengono richieste. E’ necessario inoltre avvisare immediatamente la polizia postale e la propria banca se si dovesse incorrere in un sospetto o verificato tentativo di phishing.

Leggi anche:  Truffe WhatsApp: attenzione alla truffa del finto Carabiniere

 

Unicredit, BNL e Intesa San Paolo: Truffe ai conti correnti

Per proteggere i propri dati è inoltre consigliabile l’installazione di un programma antivirus, che tenga i malware lontani dai nostri documenti. Molti sono disponibili gratuitamente, basta scaricarli e procedere all’installazione sul proprio personal computer per proteggersi dai malfattori.

Ogni banca inoltre mette a disposizione, in un’apposita area del proprio sito, dei consigli anti phishing che devono essere seguiti per evitare di incorrere in truffe e problemi. Solitamente inoltre sono segnalati i sospetti casi di phishing in atto in ogni momento, si può così verificare se il messaggio sospetto ricevuto sia effettivamente truffaldino o meno.

Online è necessario prestare sempre molta attenzione. La rete ha una potenza enorme ma espone gli utenti a rischi e truffe che non vanno trascurati. Spargere la voce in merito alle truffe più diffuse è un’ottima arma per cercare di non cascarci personalmente, in ogni caso è importante avere sempre sotto controllo il proprio conto corrente. Si possono attivare dei servizi che segnalano ogni tipo di operazione e spostamento di denaro tramite un sms sul proprio cellulare, questa è una buona arma per segnalare subito alla banca le operazioni sospette e agire di conseguenza bloccando il conto.