Xiaomi Mi 7
Xiaomi Mi 7 è imminente. Il prossimo top di gamma dell’azienda cinese che il 24 maggio inaugurerà il suo primo store in Italia, a Milano, dovrebbe essere presentato esattamente il 23 maggio. Proprio per questo motivo, lo smartphone non fa altro che far parlare di sé attraverso continue indiscrezioni.

LEGGI ANCHE: Xiaomi inserirà o no il jack audio da 3.5 millimetri nel suo nuovo top di gamma

Tra quelle più recenti c’è la possibilità che Xiaomi Mi 7 possa esordire in una variante meno potente caratterizzata dallo Snapdragon 835. È quanto sostengono i più informati dopo aver avvistato sul database di Geekbench una versione alimentata proprio dal processore Octa Core di Qualcomm ormai datato.

Un SoC certamente valido ma che ormai non fa più parte della scheda tecnica di un top di gamma. È proprio per questo motivo che in rete si sta facendo strada l’ipotesi che Xiaomi possa davvero presentare due versioni di Xiaomi Mi 7 differenti principalmente per il SoC. Il motivo sarebbe quello di destinarle a mercati diversi.

La seconda possibilità è che si tratti unicamente di un prototipo. Non è escluso, infatti, che l’azienda cinese ed il suo team di progettisti possa aver valutato la possibilità di inserire lo Snapdragon 835 nelle fasi iniziali del progetto. Una scelta che sta venendo fuori solo adesso, per confondere gli appassionati del marchio.

Leggi anche:  Gearbest: offerte su smartphone Xiaomi e OnePlus da prendere al volo

La stessa Xiaomi, in tempi recenti, ha dichiarato che il suo prossimo top di gamma avrebbe avuto lo Snapdragon 845 e noi di TecnoAndroid non abbiamo dubbi sul fatto che si tratti di Xiaomi Mi 7.

Xiaomi Mi 7, le possibili caratteristiche

Tralasciando la questione SoC, lo smartphone dovrebbe presentarsi con uno schermo OLED da 5.6 pollici di diagonale con risoluzione Full HD+. Un pannello sotto il quale ci sarebbero fino a 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna. L’ideale per godere al massimo del comparto multimediale che avrà una doppia fotocamera posteriore.

Ancora in dubbio la presenza di un lettore di impronte digitali che potrebbe essere sostituito da un sistema di scansione del volto. Buona, invece, la connettività e l’autonomia che assicurerà la batteria la cui dimensione sarà di almeno 3350 mAh. Il tutto gestito da Android Oreo con interfaccia personalizzata e funzioni di intelligenza artificiale.