Xiaomi ha rilasciato il suo primo smartphone nel 2011 e da allora ha continuato a crescere in maniera esponenziale, fino a diventare – nel 2017 – il quarto produttore di smartphone al mondo. Dopo i rumor secondo i quali l’azienda starebbe preparando la sua offerta per entrare nel mercato dei capitali di Honk Hong, alcune fonti interne avrebbero rivelato una partnership con Tre per iniziare a vendere i suoi prodotti anche nel Regno Unito.

Il piano di espansione della cinese è stato tutt’altro che affrettato. A differenza di LeEco, che ha programmato tutto troppo velocemente – ed ora rischia di fallire, Xiaomi ha studiato meticolosamente i mercati nei quali ha progettato di sbarcare, stringendo altresì partnership con i principali operatori e rivenditori fisici / online. L’azienda ha iniziato a vendere smartphone in Europa lo scorso anno a novembre, in Spagna. Successivamente, il 29 gennaio, ha annunciato il suo arrivo in Italia.

 

Xiaomi è pronta a sbarcare anche nel Regno Unito: tutti i dettagli

In Europa, Tre avrebbe una sorta di accordo esclusivo con Xiaomi, dato che nei mercati in cui l’azienda è presente – tra cui Regno Unito, Irlanda, Austria, Danimarca, e Svezia – è l’unico operatore ad avere a catalogo i suoi smartphone.

Questa è probabilmente solo la fase del piano per l’espansione nel mercato occidentale, e la sempre più probabile IPO alla borsa di Hong Kong contribuirà a finanziare il tutto. Si dice infatti che Xiaomi stia raccogliendo circa 10 miliardi di dollari per la sua IPO, con l’azienda che vedrebbe schizzare la sua valutazione ad oltre 100 miliardi di dollari.