Aura Band
la misurazione della bioimpedenza è qualcosa mai visto su uno smartband

La parola del 2018 nel mondo del fitness è: bioimpedenza. È un termine applicato alla misurazione del corpo e la sua composizione interna, ed è la keyword che contraddistingue i nuovi Aura Band. Questi smartband fitness tracker sono stati protagonisti recenti di una campagna di raccolta fondi dal grande successo su Kickstarter. La ciliegina sulla torta a lato di questi nuovi smartband è l’offerta da parte del produttore di speciali “AURA Coins“. Gli utenti più attivi che condividono la loro attività fisica potranno guadagnare tali token e spenderli con i partner sportivi e assicurativi di Aura Band.

Come funziona Aura Band

Aura Band è un tracker fuori dagli schemi. Un progetto che concentra il suo focus sul fornire informazioni in tempo reale al suo utilizzatore. Potrete monitorare le vostre attività fisiche, e il vostro ritmo cardiaco sotto stress e a risposo, grazie ai sensori activity tracker e al cardiofrequenzimetro integrato.

Leggi anche:  Vernee T3 Pro: fino al 16 agosto in promozione il device dalla super durata

Ma la vera novità di AURA Band è che anche capace di garantire un’analisi della bioimpedenza, grazie alla quale potrete calcolare in misura attiva la resistenza nei vostri tessuti. Basta fare un tap prolungato sul corpo in metallo per creare una scarica elettrica a basso voltaggio atta a misurare i valori dell’idratazione corporea, il grasso, la massa muscolare e dei sali minerali. I dati raccolti vengono elaborati da una speciale app collegata disponibile per Android e iOS, integrata rispettivamente con Google Fit e Healthkit. Quest’app sarà in grado di formulare ipotesi e diagnosi per aiutare l’utente a prendere decisioni sul proprio stato di salute.

Attualmente, Aura Band è ancora un progetto su Kickstarter. Se volete acquistarlo prima che la campagna di raccolta fondi finisca, potete farlo tramite questo link al costo di circa 90 euro comprese spese di spedizione.