Samsung Galaxy J2 Core
Samsung Galaxy J2 Core è apparso su Geekbench con Android Go

Come noto, Nokia è stata la prima ad annunciare uno smartphone basato su Android Go: parliamo di Nokia 1, lanciato il 25 febbraio in occasione del MWC 2018 di Barcellona. Alcatel e ZTE hanno seguito l’esempio del produttore cinese, ed hanno aggiunto alla loro offerta Alcatel 1X e Time Go, rispettivamente.

Altri brand sono al lavoro su smartphone basati su questa particolare versione di Android, come Meizu – della quale ve ne abbiamo già parlato quattro giorni fa – e… Samsung.

 

Samsung Galaxy J2 Core il primo smartphone Android Go

Ebbene sì, l’azienda coreana che ha fatto della sua TouchWiz – ora Samsung experience – il suo tratto distintivo.

Secondo quanto riportato dai colleghi di Winfuture.de, un nuovo smartphone Samsung, che presumiamo essere Galaxy J2 Core, è apparso su Geekbench, e sarebbe caratterizzato da Android Go. Il nome in codice è “Samsung SM-J260G“, ha solo 1 GB di RAM ed è basato su Android 8.1 Oreo.

Il processore è un Exynos 7570, e Geekbench aggiunge un suffisso “go” – il che suggerisce sia stato personalizzato appositamente per funzionare con Android Go. Il chipset octa-core ha un clock a 1.43 GHz, ed ha ottenuto 625 punti nel test single-core e 1747 nel test multi-core.

Leggi anche:  Samsung W2019 è ufficiale, ecco tutte le caratteristiche del flip phone

A confermare che siamo davanti ad un dispositivo appartenente alla serie J2 è proprio il numero di modello, mentre il suffisso Core starebbe a identificare il fatto che questo Galaxy J2 Core è basato su Android Go. È passato un po’ di tempo da quando Samsung ha lanciato un device con Android Vanilla: l’ultima volta che ne abbiamo visto uno è stato nel 2014, con Galaxy S4 Google Play Edition.

Android Go ha debuttato lo scorso anno in occasione del Google I / O, e costituisce la risposta di Google ai mercati emergenti. È essenzialmente una versione più leggera di Android, caratterizzata da app denominate Go Application, ovvero ideate per funzionare – assieme a tutto l’OS – su smartphone entry level, ovvero dotati di hardware da fascia bassa.