L’azienda tedesca pronta ad entrare nel settore degli indossabili

Puma sta pianificando il proprio ingresso nel mercato smartwatch. L’azienda tedesca ha infatti siglato una partnership decennale con Fossil, al fine di affidare a quest’ultima la produzione dei propri orologi intelligenti. Una mossa per certi versi controcorrente rispetto all’andamento del settore, ma che apre a nuovi e interessanti scenari.

Gli smartwatch Puma pensati per un pubblico sportivo?

Il fatto che il mercato smartwatch stenti a decollare, soprattutto in Italia, non è certamente un mistero. La causa va probabilmente ricercata nelle funzionalità di questi dispositivi e nei prezzi di listino elevati, che spesso fanno preferire l’acquisto delle smartband. La mossa di Puma dunque può essere letta nella logica di offrire agli utenti dei dispositivi pensati per un ambito specifico.

Leggi anche:  Alcol Test con Google Assistant: nuovo sistema da integrare negli smartwatch

Come ricorderete infatti, Puma opera nel settore dell’abbigliamento sportivo. Non è escluso dunque che i futuri smartwatch dell’azienda tedesca possano essere concepiti per un’utenza prettamente sportiva, integrando funzionalità ad-hoc. Una strategia che la porterebbe a scontrarsi con brand come Garmin e Polar, solo per citarne alcuni.

Di contro però la partnership siglata con Fossil fa intuire che, almeno da un punto di vista estetico, Puma sia intenzionata a realizzare smartwatch che possano anche strizzare l’occhio alle mode del momento. Come sempre in questi casi, ci toccherà attendere. Ne sapremo certamente di più nei prossimi mesi.