L’India ha emanato una nuova tassa di importazione del dieci per cento per alcuni componenti cruciali per smartphone. In particolare, New Delhi ha confermato ufficialmente la mossa precedentemente segnalata all’inizio di questo mese.

La tariffa si rivolge in particolare ai circuiti stampati dotati di hardware come modem, processori e chip RAM, che sono tutti componenti principali. La decisione è un’estensione dell’iniziativa Make in India. Trattasi di un movimento Swadeshi introdotto a fine settembre 2014. L’obiettivo è rendere il paese dell’Asia meridionale meno dipendente dalle importazioni e rafforzare la propria economia in vari settori, compresa l’elettronica di consumo.

La strategia interna dell’India ha visto una grande varietà di produttori come Xiaomi e Samsung spostare le loro operazioni di produzione. Sebbene i dispositivi di fascia alta siano ancora in gran parte importati, con elevati costi di trasferimento. Di conseguenza, svariati dispositivi Android e iOS sono diventati più costosi per i consumatori indiani negli ultimi anni. Questa tendenza potrebbe continuare ad andare avanti. New Delhi continua a introdurre nuove tariffe destinate a scoraggiare le importazioni e costringere gli OEM a fabbricare i loro prodotti sul mercato interno.

Leggi anche:  Smartphone con schermo rotto: cosa fare se il display si disintegra

In India le tasse d’importazione per i componenti degli smartphone aumenteranno del 10%

Mentre l’India è l’unico mercato mondiale di smartphone al mondo che continua a registrare crescite su base annua, in realtà le spedizioni globali di telefoni cellulari sono per la prima volta in declino. I dispositivi ultra-premium rappresentano solo una piccola parte delle vendite complessive. Quindi non vale la pena produrre in patria nonostante le crescenti tasse sulle importazioni.

L’India ha già aumentato i dazi doganali sugli smartphone quest’anno, sono stati aumentati dal 15 al 20 per cento a febbraio. Alcuni OEM in precedenza eludevano le normative del Paese. Essi importavano componenti per smartphone e eseguendo solo operazioni di assemblaggio in India. Con le nuove tasse annunciate a febbraio intendevano reprimere tali pratiche. In definitiva, ci produttori di telefoni che cercano di rimanere competitivi nel segmento entry-level e mid-range del mercato degli smartphone in India. Essi probabilmente dovranno stabilire operazioni di produzione del tutto indipendenti nel paese.