vocali whatsappWhatsApp è una di quelle app che sicuramente non può mancare nella home di un qualsiasi smartphone, dato che ha scatenato una vera e propria rivoluzione nel campo della messaggistica istantanea.

L’app, oltre che mandare messaggi testuali, consente come risaputo, l’invio anche di messaggi vocali (utilissimi per alcuni, una maledizione per altri). Un messaggio vocale può durare da un secondo fino a decine e decine di minuti e non sempre è possibile ascoltarli, anche ricorrendo allo stratagemma di avvicinare il telefono all’orecchio per poterlo ascoltare dal microfono piuttosto che dall’altoparlante esterno (utile in luoghi affollati).

Sicuramente è quindi utile un’app capace di trascrivere un messaggio vocale in un messaggio testuale, direttamente sul telefono e con un grado anche molto alto di precisione. Esistono per fortuna molte app di questo tipo, sia per Android sia per iOS. Il funzionamento di tutte è però abbastanza simile: innanzitutto, dopo essere entrati su WhatsApp e poi nella chat desiderata, bisogna selezionare il messaggio vocale ricevuto, in modo tale che compaia la barra di opzioni in alto.

Whatsapp: come convertire i messaggi vocali in testo con il nuovo aggiornamento

A questo punto bisogna premere sul pulsante condividi e selezionare la nostra app che trascriverà il messaggio. Il messaggio vocale verrà trascritto e ci sarà anche la possibilità di copiarlo o di condividerlo a sua volta.

Per Android si cita per esempio “Audio to Text per WhatsApp”. Rilasciata il 18 Maggio 2017 è attualmente alla versione 3.1 ed è supportata dalla versione Android 4.4 KitKat alle successive. L’applicazione è gratuita e può supportare 22 lingue tra cui, oltre l’italiano, il francese, inglese, spagnolo, portoghese, arabo, tedesco o russo ecc. Utile quindi da utilizzare anche per ascoltare messaggi audio da persone che non parlano italiano, dato che il messaggio trascritto può essere copiato e incollato nel traduttore.

Il grado di correttezza nella trascrizione è abbastanza buona, ma dipende totalmente dalla qualità dell’audio stesso e ovviamente la fedeltà della trascrizione si abbassa se il messaggio è registrato in un luogo affollato o se non si parla correttamente la lingua (per esempio in dialetto). L’applicazione consente di trascrivere non solo le note vocali, ma anche gli audio inoltrati. Un limite dell’app è che ha bisogno della connessione a internet per poter trascrivere.

Un’altra app sempre per Android è “Transcriber”, app rilasciata il 1 Settembre 2017, attualmente alla versione 2.2.3, compatibile per sistemi Android dalla versione 4.4 KitKat. Anch’essa presenta il supporto per altre lingue oltre l’italiano, tra cui l’inglese, il francese, spagnolo, indonesiano, portoghese o tedesco ecc. Anche quest’applicazione ha bisogno della connessione dati attiva per poter trascrivere il messaggio

Un’altra applicazione, disponibile sia per Android che per iOS è Speechless, rilasciata il 30 Giugno 2017. L’app è gratuita, ma per un periodo era possibile far trascrivere in modo gratuito messaggi vocali che non superassero i 15 secondi, altrimenti bisognava pagare €2,29 per ottenere la versione premium e tradurre illimitatamente. Da fine 2017 è invece possibile trascrivere note vocali di qualsiasi lunghezza in modo gratuito. L’app, su Android è compatibile dalla versione 5.0 Lollipop a successive, alla versione dell’app attuale 2.0.0. Su iOS è invece disponibile per versione di iOS dalla 10 in poi, alla versione dell’app 3.0.0.