truffe conti correntiTutti abbiamo aperto e usiamo regolarmente un conto corrente. Niente di strano, se pensiamo a quanti ne aprono uno anche per il figlioletto o la figlia ancora quando sono minorenni. Ma d’altronde sono strumenti insostituibili: tengono al sicuro e custodiscono i nostri risparmi e i nostro guadagni. Inoltre offrono l’impagabile servizio di poter disporre ovunque e in grandi quantità del nostro denaro. Ebbene sì, è finita da un pezzo l’epoca dei soldi nascosti sotto il materasso o dietri i quadri.

Ma di fronte a tanti vantaggi no vi aspetterete che no ci sia qualche problema? Davanti a tutti questi soldi c’era da aspettarselo che qualche furbetto provasse ad approfittarne. E’ proprio di questo che ci occuperemo oggi. Dato che i vantaggi sono noti alla stragrande maggioranza delle persone, proviamo a individuare e analizzare quali sono invece i problemi in cui si può incappare quando si ha a che fare con un conto corrente. Questi sono riassumibili in una sola parola: truffe.

Sì la criminalità e i malintenzionati hanno provato, a volte con successo, ad approfittare di questo utilissimo mezzo. Per fortuna moltissime truffe sono state già riconosciute e vengono combattute, ma il modo migliore per evitarle e conoscerle così da averci il meno possibile a che fare. Meglio prevenire che curare no? Volendo riassumere il discorso possiamo divederle in due tipi: quelle che avvengono materialmente nell’agire di tutti i giorni e quelle che invece avvengono online.

Le prime sono state piuttosto risolte. Consistono nella manomissione di sportelli ATM, di strumenti POS o ancora nella modifica dei punti di pagamento situati presso le pompe di benzina. Lo scopo èsempre lo stesso: sottrarre dati segreti e importanti, per poi usarli a piacimento.

Leggi anche:  Unicredit preoccupata dalle truffe che colpiscono anche i conti correnti BCC

Conti Correnti, attenzione alle truffe online

Quelle più comuni, meno controllabili e più pericolose sono però quelle online. Qui i malviventi sfruttano il fatto che questo sia un mezzo relativamente nuovo. Basti pensare alle fasce meno esperte come gli anziani, che non hanno una grande padronanza del mezzo.

Abbiamo riassunto le tre forme più utilizzate di truffa. Non lasciatevi spaventare dai nomi che potranno sembrarvi incomprensibili: dopo questo articolo non lo saranno più.

  1. Phishing: significa “pescare” e fa riferimento all’attività di raccogliere dati personali riguardati i propri Conti Bancari. Chi cade in questa trappola viene solitamente adescato tramite false e-mail o falsi SMS, che imitano quelli di istituti insospettabili, come la propria banca.
  2. Carding matematico: processo attraverso cui è possibile clonare una carta, avendo come punto di partenza “semplici” software. Questi sono in grado di riprodurre una carta uguale a quella di un normale cliente.
  3. Sniffing: consiste sempre nella raccolta di dati questa volta tramite strumenti usati anche nella legalità per il controllo delle comunicazioni.

Una volta messi in guardia su quali sono i pericoli più comuni, concludiamo mostrandovi alcuni trucchi per tenere sotto maggiore controllo il vostro Conto. Due sono gli antidoti principali alle truffe.

Per prima cosa è importante tenere sempre sotto controllo il proprio Conto, così da non perdersi movimenti di denaro non autorizzati Secondo punto fare una accurata selezione dell’istituto bancario a uui ci si rivolge, controllando che garantisca più controlli possibili.