Un videogioco per combattere la violenza di genere: l'iniziativa ONUL’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha lanciato il videogioco “Chuka” che insegna come combattere la violenza di genere. Al momento, si tratta di un videogame esclusivo per alcuni Paesi e, se i risultati dovessero essere entusiasmanti, verrà rilasciato in altri.

Questo videogioco “aiuta a sviluppare abilità per combattere la violenza, psicologica, fisica e sessuale“, ha spiegato l’UNODC durante il lancio, prima che funzionari e specialisti in tecnologia e formazione si riunissero presso il Centro di Cultura Digitale di Città del Messico.

Con Chuka, ragazzi e ragazze, così come gli adolescenti, saranno in grado di imparare a esprimere la loro opinione con fermezza e intraprendere azioni che li aiutino a superare le varie forme di violenza di genere, ha detto l’organizzazione. Miguel Ruiz Cabañas, sottosegretario agli Affari multilaterali e ai diritti umani del Ministero degli affari esteri del Messico, ha predetto che le caratteristiche di questo videogioco sono una garanzia di successo.

Un team di donne

Il gioco, progettato per combattere la violenza di genere, è stato creato da un team tutto al femminile. Ed è stato prodotto e ha il sostegno delle Nazioni Unite. Inoltre, è stato lanciato “in un momento perfetto per alzare la voce contro questo fenomeno“, ha detto il funzionario riferendosi ai numerosi casi di violenza sulle donne.

Chuka è stato progettato e prodotto da una rinomata azienda guidata da donne specializzate in giochi educativi per bambini. Con questo videogioco si intende far imparare ai bambini tra i 7 e i 12 anni a riconoscere vari tipi di aggressioni e trattarli in modo corretto, da soli o con l’aiuto di adulti di cui si fidano.