Samsung non considera più LG uno dei suoi concorrenti nel settore mobile, secondo i commenti di un portavoce della società durante il MWC 2018. Egli stava spiegando che gli ultimi smartphone Samsung hanno meno app preinstallate rispetto ad LG. Lo stesso rappresentante ha precisato: “Non li vediamo come nostri concorrenti, ma intendevo Apple”.

Samsung e Apple hanno un rapporto interessante. In alcuni casi, si sono incontrati in sede giudiziaria, con un’azione legale tra l’altro, per violazione di brevetto. Mentre in altri casi, i video promozionali sono stati resi pubblici per minimizzare i prodotti, le funzionalità e i servizi offerti dall’altro. Tuttavia, questo è spesso visto come uno scontro tra Android e iOS, non è solo una situazione Samsung e Apple.

Al contrario, riguardo il marchio Android, è sempre stato ipotizzato che Samsung stesse combattendo per mantenere la sua posizione come produttore di smartphone Android dominante. In tale settore, col passare del tempo, la capacità di LG di competere con Samsung è diminuita. La divisione mobile dell’azienda lotta per tenere il passo.

Secondo i dati di IDC evidenziati entro la fine del 2017, Samsung ha occupato una quota di mercato globale per smartphone pari al 21,6%, con Apple al secondo posto con il 14,7%. I dati sono rimasti sostanzialmente invariati rispetto all’anno precedente, con le due società che hanno registrato una quota di mercato del 21,1% e del 14,6%, rispettivamente. Ciò è in contrasto con LG che non si registra più come entità indipendente nella lista di IDC poiché le cifre del produttore sudcoreano sono ora sepolte all’interno di “Altri”.

Con Samsung e la quota di mercato congiunta di Apple per il 2017 (36,3%) solo a malapena mutevoli rispetto al 2016 (35,7%), il calo di LG nel mercato non è arrivato da Samsung o Apple. Invece, sembrerebbe che il più grande problema di LG sia l’ascesa di produttori cinesi (come Huawei, OPPO e Xiaomi). Un aspetto che la stessa LG ha rilevato quando ha annunciato i suoi risultati finanziari per il 2017.

LG minimizzata da Samsung che non la teme assolutamente

LG nel 2013, era riconosciuta dall’IDC come un concorrente diretto – con il suo 4,8% che posizionava l’azienda nel quarto posto, dietro Samsung, Apple e Huawei. Per un ulteriore confronto, durante lo stesso anno, la quota di mercato di Huawei si attestava al 4,9%, rappresentando uno 0,1% di quota di mercato rispetto a LG. Ancora più rivelatore era il cambiamento che stava prendendo effetto fino a quel punto. Dato che le cifre relative alla quota di mercato del 2012 hanno mostrato che Huawei ha registrato il 4% e LG al 3,6%. Pertanto, nel corso dei dodici mesi tra il 2012 e il 2013, LG ha effettivamente chiuso il gap su Huawei dallo 0,4 percento fino a solo lo 0,1 percento.

Il risultato è una variazione anno su anno maggiore per LG e nonostante Huawei veda un aumento anno su anno della quota di mercato di quasi l’1%. Mentre LG è stata relegata nel campo “Altri”, Huawei è riuscita a mantenere la sua terza posizione con una quota di mercato del 10,4%. A poco più di un anno e alla fine del 2014, l’immagine era molto diversa per LG. L’azienda non era più riconosciuta tra i primi 5 fornitori con Lenovo e Xiaomi che completavano la lista. Da allora, ha faticato a riguadagnare la trazione del mercato che ha visto fino al 2014. Anche se il mercato è diventato più accessibile, con Samsung e Apple che hanno visto diminuire la propria quota di mercato.