C’è stato un nuovo sviluppo in una causa in corso per class action contro Huawei e Google, derivante da un’inchiesta dello scorso anno per quanto riguarda Nexus 6P.

In particolare, il giudice Beth Labson Freeman, che ha presieduto il caso per la Corte distrettuale degli Stati Uniti della California San Jose Division, ha emesso una sentenza per negare le mozioni da parte degli imputati per archiviare il caso. Inoltre, Freeman si è mosso per respingere le affermazioni delle due società secondo le quali i casi non giustificano una causa di azione collettiva. Ciò significa che i casi di entrambe le società procederanno.

Tuttavia, le mozioni sono state concesse in base alla richiesta delle imprese di respingere alcune delle affermazioni della causa, che comprendono alcune richieste di frode o di frode di garanzia e di arricchimento senza causa. È probabile che si riveli una vittoria importante sia per Google che per Huawei. Le due aziende dovranno comunque affrontare altre rivendicazioni che rientrano in categorie simili.

Google e Huawei ai ferri corti, procedono ancora in tribunale con la class-action

Per coloro che potrebbero non ricordare, questa causa è iniziata nell’aprile dello scorso anno. Tutto è iniziato dopo che gli utenti nexus 6P, con marchio Google e prodotto da Huawei, hanno iniziato a notare diversi grossi problemi con i dispositivi. In primo luogo, i reclami si sono ridotti allo spegnimento dei dispositivi nonostante avessero un sacco di batteria residua e problemi di loop di avvio. Gli utenti hanno continuato a sostenere che Google e Huawei non risolvevano i problemi.

Leggi anche:  Android 9 Pie è arrivato, Google l'ha reso disponibile per i dispositivi Pixel, e non solo

Problemi simili avevano portato a cause contro altre società, ma non è stato immediatamente chiaro se una causa di class action avrebbe seguito. Ora sembra che accada. Presentate al suddetto tribunale con il numero di caso 17-cv-02185-BLF, le due società si troveranno ad affrontare un diverso gruppo di sinistri. Google si troverà ad affrontare rivendicazioni basate su uno statuto sulla protezione dei consumatori, mentre Huawei sta esaminando le richieste di garanzia espressa e implicita. Huawei, in qualità di produttore, si trova ad affrontare ulteriori richieste ai sensi dello statuto federale Magnusson-Moss e della Legge sulla concorrenza sleale della California.

Sfortunatamente, anche le richieste respinte potrebbero essere modificate e riportate indietro. Infatti, anche se non è garantito che non saranno semplicemente respinti di nuovo, i querelanti hanno indicato che questo è il loro piano. Riguarderanno le richieste respinte l’8 giugno. Il periodo di tempo qui coinvolto non è inusuale per i casi che coinvolgono grandi società con solidi team legali. Tuttavia, ciò significa che questo caso probabilmente si trascinerà senza alcuna risoluzione e c’è un’alta probabilità che non sarà finito entro la fine di quest’anno.