WhatsAppWhatsapp 2.18.57, questo è il nome della versione inerente al prossimo aggiornamento dell’applicazione di messaggistica istantanea più famosa al mondo. Ma cosa prevede di concreto questa novità? Premesso che non sappiamo ancora molto cerchiamo di definire al meglio cosa ci aspetta con quest’aggiornamento.

Whatsapp e Facebook, i banner pubblicitari

L’aggiornamento si propone di avvicinare ulteriormente e in maniera più concreta le dinamiche tra Whatsapp e Facebook, entrambe ormai sotto il giovane zio paperone Mark Zuckemberg.

Sembrerebbe, infatti, che dopo l’aggiornamento sarà possibile ricevere su Whatsapp delle vere e proprie inserzioni pubblicitarie da parte di aziende che sono già presenti su Facebook, che ne richiedano la possibilità, oppure banner ed advertising pubblicitari automatici grazie ai quali Whatsapp compirebbe gran parte della sua opera di monetizzazione e fin qui tutto ok. Nessuna violazione, al massimo qualche fastidio, ma fa parte del gioco.

Un aspetto che, però, richiede una maggiore attenzione riguarda le eventuali conversazioni commerciali, che potranno avvenire su Whatsapp partendo direttamente dal social blu, è qui che sorgono i primi interrogativi, perché un’innovazione prevede, per sua stessa natura, l’intrusione nella sfera privata degli utenti i quali si troverebbero costretti a condividere dati sensibili quali ad esempio numero di telefono o indirizzo a terze parti che potrebbero tranquillamente usare per fini commerciali.

Sebbene quello della profilazione sia un problema noto ai più e di difficile soluzione, Whatsapp assicura che sarà sempre rispettata la privacy dell’utente che sarà sempre libero di decidere in maniera autonoma se acconsentire alla condivisione dei propri dati tra le due piattaforme.

Leggi anche:  WhatsApp, un semplice metodo per scoprire nomi e cognomi di chi ci spia

Dati che aggiunti a quelli già presenti in Facebook andrebbero a creare una banca dati molto dettagliata su milioni di utenti in tutto il mondo.

Allo stesso modo anche le singole aziende avranno facoltà di richiedere di estendere, o no, le proprie iniziative promozionali su Whatsapp o “restare” su Facebook.

Whatsapp Business

Il secondo metodo attraverso il quale Whatsapp intende monetizzare sfruttando l’enorme bacino d’utenza che lo contraddistingue sarebbe quello di proporre una seconda app, strattemente collegata alla tradizionale, completamente dedicata al settore commerciale, attraverso la quale sarà possibile creare un canale di comunicazione dedicato tra aziende e consumatori. La nuova app sarebbe a pagamento e racchiuderebbe tutte i modi di funzionare sopradescritti.

Completamente dedicata alle piccole attività, permetterebbe loro di creare un profilo unico contenente tutte le informazioni utili, mettendo in contatto le aziende con altre aziende oppure con privati, potenziali clienti.

L’applicazione prevedrebbe varie funzionalità quali ad esempio i messaggi automatici e la possibilità di avere una visione completa della propria attività comunicativa tenendo sotto controllo statistiche sui messaggi inviati, quelli ricevuti, consegnati e letti, in qualsiasi momento.

Insomma sono molte le novità che sembrerebbero invadere il mondo della comunicazione internet, eppure il problema sembrerebbe riguardare le aziende e non tanto i comuni utenti Whatsapp i quali dovranno solo porre la giusta attenzione su i consensi che andranno a dare.