WhatsApp: nuova multa per gli utenti TIM, Tre, Wind e Vodafone per 320 euro

WhatsApp ogni giorno ci spinge a comunicare con amici, parenti e colleghi di lavoro. In media è stato calcolato che ogni persona, nell’arco di 24 ore, sostiene ben cinque conversazioni, tra chat singole e discussioni di gruppo.

Talvolta i discorsi che facciamo con questa o quella persona intrecciano interessi che riguardano altri individui. Quante volte è capitato di inviare ad un contatto della propria rubrica un estratto (se non proprio tutta la conversazione!) di una determinata chat?

Non solo screenshot

Il metodo più semplice in questi casi, si sa, è quello dello screenshot. Utilizzando la funzione a disposizione su ogni smartphone moderno è possibile fotografare la schermata WhatsApp per inviarla attraverso gli stessi canali ad altri amici.

Gli screenshot, però, lasciano traccia. Questi restano salvati su due cellulari (salvo cancellazione da parte di mittente e destinatario) e possono essere scoperti da chi non dovrebbe sapere nulla.

Leggi anche:  WhatsApp, attenti ai backup: quelli su Google Drive perdono la crittografia end-to-end

Condivisione WhatsApp tramite mail

Esistono metodi differenti per condividere una conversazione senza, per forza di cose, utilizzare uno screenshot. Non tutti, ad esempio, sanno che le conversazioni di WhatsApp possono essere inviate ad un contatto attraverso il proprio indirizzo mail. Questa via è molto meno tracciabile di uno screenshot.

Oltre alle mail, le discussioni possono essere esportate anche tramite Messenger e Telegram. Su alcuni device, inoltre, è possibile salvare le chat sul disco rigido anche per una successiva trasmissione ad un dispositivo desktop.

Il metodo è molto semplice. Basta semplicemente scegliere la chat di riferimento, andare nel menù relativo alla conversazione e cliccare su Esporta chat: dopo tali passaggi si potrà scegliere la via più adeguata.