Nubia

Il MWC 2018 è stata un’occasione per Nubia di far conoscere i suoi prodotti a livello globale. Il marchio cinese ha presentato al grande pubblico il top gamma Nubia Z17s, il primo smartphone del produttore ad essere caratterizzato da un display in 18: 9. Inoltre, l’azienda ha altresì annunciato di essere al lavoro su uno smartphone dedicato ai gamer, con un design letteralmente spaziale.

Ma non solo: l’azienda ha dichiarato ufficialmente di abbandonare l’interfaccia utente proprietaria, optando per l’implementazione di Android stock – ma solo per i suoi dispositivi globali. Il motivo principale di questa scelta risiede nel fatto che gli utenti pretendono aggiornamenti e patch Android più veloci.

I futuri smartphone Nubia avranno Android stock

Secondo alcune fonti greche, l’azienda cinese manterrà la sua unica interfaccia utente solo in patria, la Cina, dove mancheranno anche i servizi di Google. I futuri smartphone in arrivo con Android Oreo saranno compatibili con Project Treble, il che significa aggiornamenti rapidi e costanti.

Leggi anche:  Nubia, sul web uno smartphone con due display completamente utilizzabili

Un dirigente della società ha affermato che sarà più facile installare questo tipo di software nei modelli globali, perché potrebbe comportare anche maggiori vendite e più appeal per i prodotti del brand. Ultimamente, ricordiamo, Nubia ha lanciato diversi prodotti in ​​Europa con un nome diverso: ad esempio, Z17s è stato lanciato come Archos Diamond Omega.