Il 99.9% degli smartphone sono Android e iPhone

 

Le vendite globali di smartphone sono diminuite per la prima volta nel quarto trimestre del 2017 secondo un nuovo studio condotto da Gartner. Nel periodo trimestrale terminato il 31 Dicembre, le vendite di smartphone sono scese a meno di 408 milioni, con un calo del 5,6% annuo.

Il rapporto è in linea con gli studi recenti che indicano che le consegne di device sono rimaste stagnanti nell’ultimo trimestre del 2017. Presumibilmente perché i rivenditori hanno avuto problemi a spostare le loro scorte. Mentre la crescita del settore della telefonia mobile sembra essere rallentata nel corso dell’ultimo anno. Molti venditori di dispositivi hanno comunque aumentato i loro guadagni.

 

Vendite degli smartphone in calo nel terzo trimestre del 2017

 

Il direttore della ricerca di Gartner, Anshul Gupta ha attribuito la nuova tendenza ad una mancanza di smartphone a basso costo che convincerebbero gli utenti a fare la loro prima incursione in un segmento di mercato che essenzialmente si riduce a prodotti basati su Android. I consumatori di paesi come l’India, dove tali prodotti sono ancora popolari, preferiscono acquistare prodotti di alta qualità anziché smartphone di fascia bassa.

Anche gli attuali possessori di smartphone non aggiornano i loro dispositivi con la stessa frequenza con cui erano abituati a farlo. Questo perché sono più soddisfatti dell’esperienza complessiva fornita dai loro smartphone che sono in grado di durare molto più a lungo rispetto ai loro predecessori. Gli stessi produttori sono parzialmente responsabili della tendenza attuale poiché non sono riusciti ad offrire molto di più nel corso del 2017, mentre le aspettative dei consumatori sono continuate a salire, riferisce Gartner.

Leggi anche:  Apple: gli iPhone di quest'anno potrebbero costare più degli scorsi anni

Q4 2017

Samsung è riuscita a vendere oltre 74 milioni di smartphone ai consumatori nell’ultimo trimestre del 2017. Apple che ha venduto oltre 73 milioni di unità nello stesso periodo, secondo il nuovo studio. Il terzo posto di Huawei ha visto quasi 44 milioni di nuovi dispositivi finire nelle mani dei consumatori. Seguono poi, Xiaomi ed OPPO che hanno venduto rispettivamente circa 28,1 milioni e 25,6 milioni di dispositivi. Tutti gli altri OEM hanno venduto meno di 163 milioni di smartphone nel quarto trimestre del 2017, il che equivale a meno del 40% del mercato in totale. Xiaomi e Huawei sono stati gli unici due produttori a registrare una crescita annuale durante il periodo osservato, con il terzo produttore mondiale di smartphone che ha aumentato le vendite del 7,6%, mentre il tasso di vendita di Xiaomi è aumentato di 79 punti percentuali rispetto al quarto trimestre 2017.