facebookFacebook è come una specie di “spia” molesta: si preoccupa di sapere dove ti trovi in ​​ogni momento, ti segue ovunque e non si preoccupa di nasconderlo. Basta viaggiare per controllarlo. “Benvenuto, vedi dove erano i tuoi amici in questa città” o “Sei molto vicino a cinque ristoranti molto ben valutati“: sono solo alcuni dei messaggi che normalmente ricevi quando arrivi in ​​un posto nuovo.

E ciò accade, a volte, senza il consenso diretto degli utenti o senza che loro sappiano come il social abbia ottenuto le informazioni. Questo è ciò che un tribunale in Belgio sostiene – e, in precedenza, anche uno in Germania – che ha accusato il social network di violare le leggi per l’utilizzo di cookie e codici di localizzazione per tracciare gli utenti di Internet e vendere pubblicità.

Leggi anche: Facebook combina realtà virtuale e aumentata nelle pubblicazioni

Facebook dice che usa i cookie in modo “trasparente”

Tuttavia, i legislatori dichiarano che la società “dovrebbe smettere di tracciare e registrare come le persone usano Internet” e “distruggere tutti i dati personali ottenuti illegalmente“. I servizi di localizzazione sono utili per l’utilizzo di mappe digitali, ma alcune aziende ne approfittano. Ma il social network di Mark Zuckerberg non è l’unica piattaforma o azienda che utilizza i servizi di geolocalizzazione a suo favore.

E anche se è vero che molte volte sono essenziali, soprattutto per utilizzare applicazioni come Google Maps o per individuare il telefono in caso di smarrimento, è possibile che il dispositivo non disponga di tali informazioni in qualsiasi momento.

GPS “falso”

Un modo per ottenere questo risultato – ovvero fuorviare la curiosità di Facebook – è tramite servizi come Fake GPS, che puoi trovare nello store di Apple e nel Google Play. È disponibile nelle seguenti lingue: tedesco, cinese, inglese, giapponese, portoghese e russo. Manca l’italiano, ma dopotutto la finalità è molto semplice da capire.

Un’altra opzione in è GPS Simulator, disponibile solo per Android. “Sposta il GPS del tuo telefono in qualsiasi parte del mondo con questa app. Una volta attivata, verrà stabilita una posizione GPS falsa in modo tale che le altre applicazioni sul tuo telefono crederanno che sei lì“, dicono i suoi sviluppatori direttamente nel negozio digitale di Google. Inoltre, avvertono che la loro applicazione “non è stata progettata per ingannare i giochi“.

Se possiedi un iPhone, puoi utilizzare Location Faker o LocationHandle, entrambi disponibili solo in inglese. Il funzionamento di questi strumenti è semplice e, in genere, consente altre opzioni oltre a modificare la posizione, ad esempio l’aggiunta di siti preferiti o la creazione di percorsi virtuali.

Per usarli, basta puntare su un punto specifico sulla mappa del mondo. Successivamente, il sistema rileverà la posizione predefinita (dopo aver inviato una notifica per confermarla).

Ma è importante che tu segua una serie di passaggi all’interno della sezione “Impostazioni” del tuo telefono prima di utilizzare una qualsiasi di queste app.

► Se hai un Android: 

1. Fai clic sull’opzione “Informazioni sul dispositivo”.
2. Cerca l’opzione “Numero di compilazione” (in esso compaiono numeri, lettere e segni) e fai clic su di esso più volte fino a quando viene visualizzato un messaggio che chiede se desideri attivare le opzioni di sviluppo).
3. Accetta questa opzione e torna alla sezione principale.

Se hai un Apple: 

1. Nell’opzione “Posizione” (sotto “Privacy”), scegli quali applicazioni possono accedere al GPS (e quali no).
2. Se si desidera utilizzare un’applicazione per modificare la posizione, è possibile farlo solo se è stato attivato un jailbreak.
3. Il jailbreak è un sistema legale che consente di sopprimere alcune limitazioni al software di Apple. Puoi eseguirlo attraverso gli strumenti omonimi che trovi nell’Apple store.