Secondo un recente rapporto di giffgaff, la velocità di 5G provocherà una enorme aumento dei dati mensili a disposizione degli utenti: in media, circa 98,34 GB. Qualora vi stiate chiedendo la motivazione di tale ”passo in avanti”, la risposta è piuttosto semplice.

Il 5G avrà come conseguenza principale un forte aumento della velocità in download e upload, e ciò consentirà agli utenti di fruire di molti più contenuti ogni giorno. Entro il 2021, saranno consumati – in media – circa 45.21 GB al mese, poichè ci si aspetta che la maggior parte dei principali operatori di rete abbia terminato il passaggio al nuovo standard di connessione.

Stando a quanto teorizzato da giffgaff, lo streaming in 4K sarà un fattore che impatterà in maniera decisiva sul consumo dei GB a disposizione del singolo utente. Si stima che ogni mese il consumatore medio trasmetterà, nel 2025, una quantità di circa 73,87 GB di video 4K.

Leggi anche:  Lenovo promette il primo smartphone 5G al mondo con Snapdragon 855

Ovviamente, non tutti gli utenti si affideranno ai dati mobili 5G per fruire di contenuti in 4K, poichè molti ricorreranno al download tramite reti Wi-Fi, così da evitare il consumo dei dati mobile. Questo perchè i prezzi delle tariffe 5G saranno elevatissimi.

Oltre la metà dei dati consumati attualmente è riconducibile ai social media, mentre il resto a streaming di video e musica. Chi ”sfora” i GB a disposizione è spesso la fascia di utenza compresa tra i 18-24 anni, mentre è interessante notare che l’utente con età compresa tra 55 e 64 anni ha meno probabilità di superare l’importo mensile dei dati; sopra i 65 anni non si supera praticamente mai la soglia mensile.