Smartphone più resistenti con il vetro diamante
Smartphone più resistenti con il vetro diamante

Dall’anno prossimo, ovvero dal 2019 potremmo avere a protezione dei display dei nostri smartphone nientemeno che il diamante. Il vetro zaffiro, molto resistente purtroppo, ha una difficile e costosa produzione.

Circa un anno fa, Akhan Semiconductor ha annunciato di voler intraprendere una serie di test per forgiare il metallo prezioso come protezione per i display. A un anno di distanza possiamo dirvi che i test sono incominciati, dall’anno prossimo potremo non temere più cadute e colpi vari sul nostro smartphone.

Smartphone più resistenti nel 2019, arriva il vetro diamante

Il diamante è il minerale più duro al mondo, in grado di raggiungere il livello massimo (10) della scala Mohos. Per fare un paragone veloce, i Gorilla Glass, utilizzati ultimamente per forgiare i display degli smartphone, arrivano a valori compresi tra 6 e 7 senza superarli.

La tecnologia di Akhan utilizza diamanti sintetizzati artificialmente, i pattern di nano-cristalli sono organizzati non in maniera allineata ma in modo casuale. Questa tecnica diminuisce di tantissimo le possibilità di rottura o danneggiamento dei materiali che ne stanno al di sotto.

Leggi anche:  Gli smartphone che hanno venduto di più negli ultimi anni: una lista con sorpresa

Il diamante in esso, infatti, non sarà che uno strato sottile utilizzato in combinazione con altri strati di altri materiali, Gorilla Glass per fare un esempio. Il minerale andrebbe per “dare il tocco in più” e rendere lo smartphone ancora più resistente di quello che già sarebbe.

Il processo di produzione, non è semplice e chiederà ancora un po’ di tempo per raggiungere dati significativi. Uno dei più grossi problemi è il forte potere riflettente del minerale che andrebbe ad intaccare la visibilità del display. Sicuramente sarebbe una svolta nel mondo dei display, però purtroppo dovremo aspettare almeno il 2019, sempre che non siano stime troppo ottimistiche come quelle di anni fa che prevedevano il lancio nel 2017.