whatsapp telegram

Le chat di messaggistica istantanea più popolari del momento sono WhatsApp e Telegram. I due servizi continuano a regnare sovrani in Europa e negli Stati Uniti. I numeri sono maestosi: messe insieme le due piattaforme, si sfiorano i due miliardi di utenti attivi su scala mondiale.

WhatsApp e Telegram, numeri record ma futuro incerto

Il successo di WhatsApp e di Telegram potrebbe essere però messo in discussione in un futuro più o meno breve. Sulla scena, infatti, si sta presentando un nuovo servizio di messaggistica rivoluzionario e soprattutto molto più sicuro.

La crescita di Signal

Stiamo parlando di Signal, chat sviluppata nel 2014 dal team di Open Whisper Systems. La piattaforma è disponibile sia per chi utilizza uno smartphone Android, sia per chi utilizza un iPhone.

L’obiettivo del servizio è quello di rendere i messaggi privati illeggibili ad occhi indiscreti. Tutto ciò è possibile grazie ad un sistema di crittografia end-to-end molto più ferreo di quello utilizzato da WhatsApp ed anche da Telegram.

Leggi anche:  WhatsApp: 3 nuove funzioni segrete che tante persone non conoscono

Non è un caso quindi se molti personalità influenti nel mondo della politica hanno deciso di cambiare lido. Da tempo il leaker NSA, Edward Snowden afferma di utilizzare Signal con continuità per le sue conversazioni.

Da pochi giorni, invece, si è scoperto che anche Carles Puigdemont, leader del movimento indipendentista catalano (ora in esilio in Danimarca), utilizza Signal per parlare in maniera discreta con i suoi collaboratori.

WhatsApp e Telegram quindi devono guardarsi le spalle. Le due piattaforme leader ora non sono più sole.