Un nuovo dispositivo di HMD Global identificato come il Nokia 7 Plus è apparso nel database dello strumento di benchmarking mobile di Geekbench, simile al Nokia 7. Il dispositivo è alimentato da Snapdragon 660, chip di fascia media più potente di Qualcomm, e supporta Android Oreo.

L’elenco rivela che il dispositivo non annunciato viene fornito con 4 GB di RAM, la stessa quantità del Nokia 7. Tuttavia, il modello HMD lanciato alla fine dello scorso anno è disponibile anche in una variante premium con 6 GB di RAM. Al momento non è chiaro se la gamma Nokia 7 Plus si estenderà su più modelli o se sarà completamente declassato a riguardo.

Nokia 7 Plus predisporrà di Android Oreo e Snapdragon 660 o sono solo voci?

Il primo Nokia 6 che HMD ha lanciato era disponibile anche in configurazioni RAM multiple, con la variante da 4 GB principalmente venduta nei paesi in via di sviluppo dove la concorrenza nel segmento medio del mercato è forte. Mentre la maggioranza dei consumatori in Occidente erano solo in grado di acquistare il modello con 3 GB di RAM. Poiché il Nokia 7 non è ancora disponibile al di fuori della Cina, la compagnia finlandese potrebbe preparare una strategia simile per questo prodotto.

Leggi anche:  Nokia 6.1 Plus arriverà molto presto in Europa, ecco la scheda tecnica ufficiale

Il Nokia 7 Plus è stato inoltre testato durante l’esecuzione di Android 8.0 Oreo, anche se il benchmark non rivela alcun dettaglio relativo al software. Tutti i dispositivi rilasciati da HMD negli ultimi 12 mesi sono stati alimentati da una versione di Android Nougat che è stata fornita solo con un numero limitato di app e funzionalità aggiuntive. Ad esempio, Nokia 7 ha debuttato con Android 7.1.1 Nougat e non è ancora stato aggiornato a Oreo. Il fatto che il microtelefono appena testato esegua l’ultima revisione del sistema operativo dovrebbe garantire che supporti i Project Treble di Google e possa teoricamente ricevere aggiornamenti software in modo più rapido.

HMD potrebbe annunciare il dispositivo alla fine del mese prossimo al MWC 2018.