WhatsApp torna di nuovo a pagamento, il messaggio che fa infuriare gli utenti

Conoscendo ormai da anni WhatsApp, le persone sanno molto bene quanto si sia esteso il fenomeno in tutto il mondo. Infatti ad oggi parliamo di un numero di utenti che ha raccolto quasi un quarto della popolazione mondiale, senza alcuna distinzione tra adulti e bambini.

I numeri sono sicuramente dalla parte della nota applicazione, la quale è partita in tempi non sospetti con un sistema ben diverso. In tanti ricorderanno infatti un servizio che con cadenza annuale andava rinnovato, pagando un piccolo corrispettivo. 

In seguito questa politica è stata accantonata dalla nota azienda, in favore di un servizio gratuito al 100% che permettesse a tutti l’utilizzo spensierato. Oggi sembra però che qualcuno sia in stato di allerta per via di un nuovo messaggio. 

WhatsApp, il nuovo messaggio fa paura: si ritorna a pagamento

Il mondo in verde che caratterizza l’app più famosa del mondo, raccoglie un’ecosistema tanto complesso quanto semplice da capire. Infatti tutto è basato su chiamate, videochiamate, Stati e soprattutto sui messaggi.

Leggi anche:  WhatsApp: il problema è grave, migliaia di account chiusi per un motivo incredibile

Proprio quest’ultima feature, che sarebbe poi quella principale, spesso mette in difficoltà molti utenti. Infatti nelle ultime ore proprio un messaggio avrebbe mandato in tilt tantissime persone.

Arrivato tramite una delle tantissime catene di Sant’Antonio, il nuovo messaggio di testo preannuncerebbe un ritorno del servizio a pagamento. In molti sono dunque piombati nel panico generale, scatenando polemiche tralasciando però alcuni aspetti importanti.

Il primo è che WhatsApp non comunica mai tramite catene le sue decisioni, ma lo fa solo con i changelog degli aggiornamenti. Il secondo è che non è la prima volta che un messaggio del genere arriva su qualche smartphone.

Vi rassicuriamo noi: WhatsApp non tornerà a pagamento, e non lo farà mai. Restate tranquilli e godetevi la miglior applicazione di sempre senza paura.