telemarketing tim vodafone

Una delle cose che accomuna moltissimi operatori di telefonia fissa e mobile è la tendenza al telemarketing selvaggio. Chiunque è stato chiamato almeno una volta da uno di questi operatori, desideroso di proporci nuove offerte a suo avviso incredibili ma di cui a noi non fregava assolutamente nulla.

Per tutti quegli utenti che si sono stancati di ricevere chiamate commerciali oppure chiamate destinate ai fini statistici siamo felici di darvi la notizia che, dopo una lunga ed estenuante campagna portata avanti da Il Tirreno e da centinaia di migliaia di consumatori che hanno firmato la petizione promossa sul noto sito Change.org, queste tipologie di chiamate saranno facilmente riconoscibili da chiunque tramite l’utilizzo di appositi prefissi che verranno inseriti nel numero del chiamante.

In questo modo nel caso non fossimo interessati a ricevere alcun tipo di offerta promozionale da parte degli operatori ci basterà semplicemente dare un’occhiata al prefisso per capire di che tipo di chiamata si tratta, ciò comporta il risparmio di tempo dell’utente e di conseguenza anche dello stesso operatore che non sarà piu obbligato a parlare al telefono con una persona cui non frega assolutamente nulla delle ultime offerte del proprio operatore di telefonia mobile.

Wind e Tre dovranno rinunciare al Telemarketing insieme a Tim e Vodafone

Con l’approvazione di questa nuova legge da parte della Commissione Trasporti e Telecomunicazioni, oltre all’importante introduzione dei due prefissi identificativi per le chiamate a fine commerciale o statistico, l’altra importante novità sta nel fatto che il famoso Registro delle Opposizioni ora sarà accessibile sia a numeri fissi che mobili. Prima infatti l’adesione al suddetto registro era possibile soltanto per i numeri fissi che avevano accettato di essere pubblicati negli elenchi telefonici, fortunatamente ora questa limitazione non sussiste più.

Leggi anche:  Vodafone e TIM contrastano iliad grazie ai loro operatori virtuali

Ogni utenza avrà quindi la possibilità di tutelarsi da quello che è stato definito da tutti con il nome di “telemarketing selvaggio”, e naturalmente la richiesta verrà ritenuta valida anche per più utenze contemporaneamente. Inoltre è importante ricordare che in qualunque momento, sia telefonicamente che via email, ci sarà la possibilità di annullare e revocare senza troppe noie l’iscrizione al Registro delle Opposizioni nel caso in cui si cambiasse idea anche solo per periodi limitati, in modo da riabilitare le utenze a ricevere qualunque tipo di telefonate commerciali dalle società indicate.

L’aver adottato simili soluzioni rappresenta sicuramente il metodo migliore per porre fine alle lamentele di numerosissimi utenti che ogni giorno accusano continuamente i call center di pubblicità aggressiva o invadente. In questo modo saranno abilitati a ricevere offerte promozionali di qualunque tipo solamente coloro che decideranno di volerne ricevere e comunque in ogni caso potranno essere avvertiti di questa tipologia di chiamate mediante l’introduzione degli identificativi inseriti nel numero del chiamante.

Ulteriori novità in merito sia alla questione dell’attivazione dei due nuovi prefissi per gli operatori, sia per l’apertura delle richieste d’iscrizione per il Registro delle Opposizioni da parte di chiunque, verranno rilasciate prima possibile. Infatti a detta di Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale dei Consumatori, verranno rilasciate ulteriori informazioni relative a questo argomento per marzo 2018 che è il mese in cui dovrebbe essere resi pubblici quali saranno i prefissi telefonici precedentemente citati.