WhatsApp: la vostra privacy sotto attacco, i metodi migliori per proteggersi

WhatsApp utilizza moltissime funzioni molto utili per gli utenti che di sicuro apprezzano ciò che ogni settimana ormai arriva con i soliti aggiornamenti. Ovviamente la funzione principale è sempre la stessa: poter inviare messaggi a chiunque si voglia senza pagare un centesimo.

Proprio tale caratteristica, che inoltre ha reso famosa l’app in tutto il mondo, l’ha resa imprescindibile per tutte le persone che l’hanno scaricata. Si parla infatti, seguendo i numeri ufficiali, di oltre un miliardo di utenti attivi. 

C’è però un problema davvero difficile da risolvere: si tratta della privacy, la quale spesso viene scalfita facilmente da persone anche non esperte.

WhatsApp, è allerta privacy: ecco come proteggersi

Si tratta sicuramente di uno dei pochissimi punti deboli dell’applicazione più nota del mondo, ma pare che il fenomeno non accenni a diminuire la portata. Molti utenti infatti avrebbero lamentato di essere spiati a loro insaputa.

Credete ci voglia molto? Vi sbagliate. Basta semplicemente leggere qualche guida clandestina su internet per mettere sotto controllo un telefono e quindi anche l’account WhatsApp.

Leggi anche:  WhatsApp: chiusi migliaia di account utenti in questo mese, il motivo è da non credere

Uno dei tanti è WhatsApp Web, piattaforma internet che permette di appoggiarsi alla nota app mediante il PC. Fate sempre attenzione a chiudere tutti i collegamenti quando avete finito di utilizzare il vostro account mediante un PC.

Qualcuno a voi molto vicino infatti potrebbe scannerizzare il vostro QR Code e rubarvi le conversazioni, magari anche ricattandovi.

Un altro metodo, che però non si può evitare, è quello utilizzato dall’app WhatsDog, la quale permette a chiunque spiare un determinato utente. Più in particolare sarebbe possibile mediante l’app appena citata, venire a conoscenza di orario di entrata e di uscita dall’app di un qualsiasi utente designato. 

Il nostro consiglio è di stare sempre attenti e vigili, dato che con il web e quindi anche con le app non si scherza. Ci sono in gioco dati personali, carte di credito e soprattutto i vostri affari.