dji droneA circa 3 km dalla città di Quebec in Canada, ad un’altezza stimabile sui 450 metri di altezza, un drone della DJI e un aereo con equipaggio Skyjet appena decollato dall’aeroporto Jean Lasage International  della città sono impattati. In una nota diffusa dal ministro dell’istruzione canadese Marc Garneau è la prima volta che si verificherebbe un episodio del genere. Fortunatamente dopo l’impatto, l’aereo è potuto atterrare in sicurezza senza recare alcun danno alle persone che vi si trovavano a bordo.

I droni da quando sono sul mercato hanno interessato una larga fetta di pubblico, grazie agli innumerevoli usi in cui è possibile sfruttare gli stessi, se si esclude il semplice momento ricreativo. Ciò che rende il mercato dei droni così interessanti e che fa pensare che il mercato degli stessi supererà i 15 miliardi in soli dieci anni, sta nel fatto che questi ultimi sono solitamente dotati di piccole fotocamere o telecamere che si sostituiscono agli occhi di chi guida questi gioielli del modellismo e non solo. A Singapore i commercianti si servono dei droni per fare pubblicità alle loro attività commerciali mentre in Italia si sta pensando di utilizzare gli stessi come telecamere mobili, così da migliorare il livello di sicurezza delle città.

Leggi anche:  Droni autonomi creati per allontanare gli uccelli dallo spazio aereo di un aeroporto

Per ciò che riguarda l’incidente poc’anzi menzionato, è bene ricordare come i droni siano programmati, dalle case produttrici, per volare ad un’altezza non maggiore di 120 metri, ma è stato mostrato come sia semplice per gli utenti esperti di modellismo innalzare questa soglia massima a circa 500 metri di altezza. Nella nota promulgata dal ministro per i trasporti canadese è possibile leggere come esistano consistenti multe ,per coloro i quali utilizzano in maniera non responsabili questi oggetti volanti , che possono ammontare a cifre sino a 25.000 euro e come si possa addirittura rischiare di finire in carcere proprio a causa di tale uso irresponsabile. La DJI, nel proprio interesse di azienda produttrice ha pertanto pensato di rispondere a quanto sollevato dal ministro attraverso una nota, circa le misure di sicurezza poste in essere dall’azienda stessa.