Tim, Vodafone e altri: 434.120 linee FTTH attive su 1 milione disponibiliInternet è diventato un bene primario e la rete in fibra ottica rappresenta il massimo in termini di tecnologia e velocità. Essa è realizzata con tecnologia FTTH (Fiber to the Home) letteralmente “fibra fino a casa”. Infatti l’intera tratta dalla centrale all’abitazione del cliente è in fibra ottica consentendo il massimo delle performance. Le linee disponibili attualmente in italia sono circa un milione, merito soprattutto di Fastweb e Telecom Italia che hanno provveduto alle istallazioni in tutta Italia. Ma c’è anche un altro dato che emerge da AGCOM, svelato poi da  BroadbandMap che evidenziano la reale entità del problema ultra-broadband del nostro paese: vi sono soltanto 434.120 linee attive su un milione disponibile.

A rendere ancora più sconcertante la natura di questo dato, è il fatto che le poce linee attivate non risultano sparse equamente nella penisola, bensi concentrate in pochissimi punti. Per di più circa 286mila sono concentrate nella provincia di Milano, all’incirca la metà, quindi, sono concentrate tutte nel circondariale di una sola provincia. Nel resto d’Italia, la situazione sembra non migliorare per niente, in Piemonte di contato poco più di 40.000 accessi, concentrati per la stragrande maggioranza nella zona adiacente a Torino. Spostandosi un po’ più a Sud si può trovare l’Emilia-romagna dove la cifra crolla a 29.700, in cui la quasi totalità (28.800) risulta essere situata a Bologna. Man mano si scende verso il Meridione, la situazione peggiora, soprattutto in zone come Basilicata, Sardegna e Calabria, in cui le linee attive sono davvero esigue. Anche in Puglia dove tramite alcuni progetti doveva esserci una fra le reti più veloci d’Italia i punti attivi si fermano a quota 3.283, di cui 2.996 a Bari.

Leggi anche:  Vodafone multata di 800 mila euro per telemarketing aggressivo dal Garante

Di base, bisogna capire però perché quasi 600mila utenti che potrebbero godere di servizi a 1Gbps o 300Mbps preferiscono rimanere legati ai loro vecchi servizi, anche se più obsoleti. Uno dei motivi principali risulta essere la poca chiarezza presente nel settore, una mancata informazione che quindi non motiva gli utenti a passare alla tecnologia FTTH, come anche sia possibile che molti dei punti attivabili risultino però invendibili. Molti davano la colpa alla concorrenzialità che ADSL e FTTC arreca al nuovo tipo di fibra, ma è emerso chele ultime tariffe FTTH sono più vantaggiose delle altre. L’ AGCOM inoltre dovrebbe indagare sulla trasparenza degli operatori telefonici, in quanto infuriano su internet le proteste dei consumatori che vedono strade e infrastrutture cablate da tempo e l’impossibilità di attivarne i servizi tramite i call center degli operatori.