Firefox Quantum

Mozilla il 14 novembre ha finalmente rilasciato Firefox Quantum, la versione aggiornata del suo celebre browser. È disponibile al download per Windows, MaxOS e Linux a questo link. Quantum va a sostituire Gecko, il cui sviluppo iniziò addirittura nel 1997. Lo sviluppo del nuovo browser, ha richiesto un anno di lavoro e gli sviluppatori di Mozilla si sono concentrati soprattutto sulla realizzazione del motore di rendering CSS. Hanno risolto circa 370 problematiche (delle quali 270 ritenute ad alta priorità) aumentando di conseguenza le prestazioni del browser. Vediamo quali sono le prime impressioni.

Interfaccia grafica

Quello che si fa notare immediatamente è la nuova interfaccia grafica. Quantum, grazie al nuovo progetto chiamato “Photon” assume un design minimalista, pensato per sfruttare i nuovi display ad alta intensità di pixel. Il tema si presenta con un’alternarsi di tonalità chiare e scure, anche se Mozilla ha introdotto la possibilità di scegliere tra altri due temi. Utilizzando il nuovo browser con un PC con schermo touch, la grandezza del menù cambia a seconda che lo si usi con il mouse o con le dita. Con la nuova grafica, tutto sembra più moderno e con molta cura nei dettagli, con animazioni.

Leggi anche:  Iliad lancia nuova offerta a 6,99 euro al mese con 40 Giga, minuti e sms illimitati

La velocità è il suo punto forte

Le modifiche apportate al nuovo browser sono notevoli, per esempio garantisce un migliore bilanciamento tra la velocità e l’utilizzo della memoria con miglioramenti quali webAssembly e WebVR. Infatti Quantum ha una velocità che è doppia di quella registrata un anno fa, reso possibile dallo sfruttamento dei multipli core nelle CPU presenti nei dispositivi di ultima generazione. Un altro miglioramento è l’implemento con un motore CSS che utilizzando i core in parallelo riesce ad essere più veloce.
Grazie all’integrazione con Pocket, aprendo una nuova scheda si ricevono consigli con le pagine web più cliccate.

Firefox Quantum è disponibile nella versione beta anche per Android e integrale nell’App Store di iOS. Non vi resta quindi che scaricarlo per vederlo con i vostri occhi.